Evento: Stupor Mundi
25/02/2017 - 05/03/2017
0 0
Effettua l'accesso per inserire un commento
0/0 Commenti
Inserzionista
Dettagli
Data di inserimento: 20/02/2017 - 12:49
Luogo: Melfi (PZ) () -
Data di inizio: 25/02/2017
Data di fine 05/03/2017
Descrizione
STUPOR MUNDI
mostra d’arte contemporanea

Stupor mundi (stupor,-is mundus,-i = meraviglia del mondo) è una locuzione in lingua latina derivante dal lessico militare romano, associata a grandi campagne belliche che consacrava le doti di un generale resosi protagonista oltre i confini dell'impero romano.
E’ l’appellativo con il quale era conosciuto Federico II, uomo di ingegno eccezionale, universalmente considerato ‘superiore’ ad ogni altro personaggio medioevale; letterato, statista, condottiero, legislatore, ricordato soprattutto per la mentalità libera, eclettica ed anticipatrice, fautore di un’integrazione “miracolosa” tra culture diversissime quali quelle greca, latina, araba, ebraica, persino di una lingua unificante, la romanza. Sicuramente uno dei personaggi più influenti e iconici del Medioevo italiano.
Anche l’artista trova di volta in volta il proprio personalissimo e al tempo stesso universale “Stupor": quella luce, quella fiamma che illumina la porzione di realtà che egli si sente chiamato a indagare. Quello stato di grazia “superiore” che lo predispone alla creazione: “E’ dell’artista il fin la meraviglia”, scriveva 400 anni fa Giambattista Marino.
Stupor mundi, quindi, è l’artista che opera con forza miracolosa e trasformatrice, artisticamente e culturalmente; che reca in sé l’innovazione volta ad unificare linguaggi e distanze geografiche.

Questi i presupposti della mostra espositiva che avrà luogo presso il Museo Diocesano di Melfi, in cui gli artisti scelti per questo progetto hanno indagato sulla propria “meraviglia”.
In mostra 50 opere in 4 categorie: pittura scultura, fotografia, installazione.

L’inaugurazione
La mostra “Stupor Mundi” si inaugura il sabato 25 febbraio, h 18.00 alla presenza di:
S.E. Mons. Gianfranco Todisco, Vescovo di Melfi-Rapolla-Venosa
Mons. Ciro Guerra, Direttore Museo Diocesano
Raffaele Nigro, Assessore alla Cultura Comune di Melfi
Gina Affinito, curatore della mostra
Artisti, critici ed appassionati d’arte

Il percorso espositivo al piano nobile del Museo continuerà fino al 5 marzo e sarà visitabile nei seguenti orari: da lunedì a domenica, escluso il martedì, 10.30/12.30 - 16.30/18.30
Arricchisce la mostra una sezione, esposta al primo piano del Museo, denominata “La Giovane Arte” a cura del Liceo Artistico di Melfi “M. Festa Campanile” che presenta i suoi allievi:
“Un percorso che ha visto, ancora una volta, convergere l’arte della parola e l’arte visiva, è stato il concetto pascoliano del “Fanciullino” presente in ognuno di noi ma che, solo il poeta, grazie alla sensibilità e al suo “genio”, riesce ad ascoltare e, pertanto, è in grado di guardare con occhi di “meraviglia” tutto ciò che lo circonda, cogliendo nella semplicità, il sublime. La scelta degli studenti del Liceo Artistico “M. Festa Campanile” di Melfi di rappresentare graficamente e pittoricamente le cose “umili”, legate alla terra ma non per questo dimesse, è conseguenziale ad un momento della programmazione pluridisciplinare che ha visto impegnata soprattutto la classe V della sezione Arti Figurative. “
(Prof.ssa Marilina Catarinella)

Il catalogo contenente tutte le opere della rassegna è edito da ‘La cromografica'





In mostra:

ABBONDI CARLA, ALASCI LIBERATO, ASCIONE ROSARIO, BACIOCCHI MARINA, BELVISO ANTONELLA, BONGARZONI UGO, CANTIELLO BARBARA, CARLEO CONCETTA, CAUDULLO GIUSEPPE, CAVUOTI RINO S., CIOCIA ALBERTO, COLOMBO CARLOLUIGI D’AGOSTINO FABIO, DAMIANO ALESSANDRA, DAMIANO DANIELA - ASDHE DE ARCANGELIS SIMONA, EIDENAI, FESTINO GIUSEPPE, GALAJIAN SHAKAR, GALLO ERIKA, GALLO MILENA, GARUTI CESARE, GASPARETTO MORENO, GESUALDI ANTONIO, GITTARELLI IRENE, GIULIANO PINELLA, GRASSI LILIANA, INTELLIGENTE MARIO, LAROTONDA DONATO, LUSIGNANI GABRIELLA, MAGNOTTA ANTONIO, MENEGHIN SUSI MONICA, NACCARATO MARIO, NIZZERO CAMILLA, ORABONA CINZIA, PALLOTTA TERESA C., PICCIRILLO ELISABETTA PORTA NICOLA, RENZI & LUCIA, RIZZO MIRIAM, ROSSI ANDREA, SANNA ANTONELLO SANTARSIERO MARTINA, SERRA ALESSANDRO, SILVESTRE ANGELINA, SIMONETTI MARIANNA, SORVILLO EMILIO, STRAMACCHIA EDOARDO, VENTRONE DANIELA, ZAMPARELLI GUGLIELMO

fuori concorso

GENNARO BARCI
UMBERTO BENANTI
DOMENICO DE MASI
IVAN PILI
ORIANA VERTUCCI







team
Mons. Ciro Guerra, Direttore del Museo
Gina Affinito, curatore della mostra
Vincenzo Fundone, documentazione fotografica
Prof.ssa Marilina Catarinella, referente Liceo Artistico “M. Festa Campanile”
Annamaria Caputo, assistente museale
Altri eventi dell'inserzionista
ONIRICAmente | mostra d'arte
26/05/2018 - 03/06/2018
Ischia (NA) - Campania
Inserito da Gina Affinito
Il curatore Gina Affinito è lieta di presentare il progetto espositivo


ONIRICAmente: il sogno creativo di una realtà nascosta
mostra d'arte contempomporanea

26 maggio < 3 giugno 2018


Il sogno è la seconda pelle, anzi, è più profondo. Unico. Il sogno è il progetto del desiderio nascosto. Difficilmente il sognatore rivela il suo sogno, come un giocatore svia il rivale, il curioso. Probabilmente ha paura che voli via per sempre. Perché il suo dovere reale è di preservare il suo sogno”

(Amedeo Modigliani)


Che cos’è un sogno ?


Quando la notte spegne i riflettori della coscienza razionale, la mente è più libera di portarci lì dove la nostra natura, il nostro Sé più autentico, vuole andare per rigenerarsi: nell'Inconscio.

Il sogno è un prodotto psichico che si esprime per immagini e che ha origine da un desiderio inconscio, è la manifestazione di un contenuto rimosso, quindi porta un messaggio che attraverso l'interpretazione può essere decifrato.

E’ un messaggio dell’inconscio, ovvero di quella parte della psiche dalla quale l’io ha preso forma e, attraverso il sogno, attraverso le immagini e i simboli onirici, ci “parla”: talvolta sono emozioni che l’io nega a se stesso, comportamenti che rifiuta, conflitti e traumi che andrebbero rielaborati ed integrati, paure con le quali sarebbe importante confrontarsi.


Agli artisti che aderiranno al progetto si chiede di ricercare questo desiderio inconscio e celato, di restituirlo alla realtà, di coglierne le emozioni e tradurlo in opera d’arte, mitigata dalla propria creatività.


Date

L’esposizione avrà luogo ad Ischia, Isola Flegrea, presso gli spazi espositivi di “Villa Ravino”, all’interno di un meraviglioso ‘Giardino Botanico’ nel periodo dal 26 maggio al 3 giugno 2018, con inaugurazione sabato 26 maggio.


Location

Da una vecchia cisterna, in un giardino che evoca poesia, è stata creata una stanza bianca, raccolta e vista mare: un'area che offre e garantisce spazi pensili, ma più che altro un ambiente stimolante per l’artista, che lo faccia sentire a suo agio, accolto, benvenuto.

Dal 2008, la sala espositiva di Villa Ravino ha un programma stagionale fatto di eventi, mostre, conferenze, vernissage e molto altro. Villa Ravino si trova a Forìo, Ischia.

Orari: lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica ore 9.00/19.00 (martedì e giovedì chiuso)

Ad ogni partecipante sarà rilasciato attestato di partecipazione e catalogo comprendente tutte le opere. Iscrizioni aperte fino al 17 maggio o comunque fino al raggiungimento di 20 postazioni disponibili.



Per approfondire la proposta espositiva e richiedere il regolamento su www.ginaaffinito.com oppure scrivere a: progetto.mundi@gmail.com





____________________________


Gina Affinito, curatore del progetto

www.ginaaffinito.com - gina.affinito@gmail.com - mob Italia +39.327.3463882
Italian Soul Contemporary Art in UAE II Edition
20/03/2015 - 04/04/2015
Dubai ed Abu Dhabi
Inserito da Gina Affinito
IL PROGETTO

L’esposizione Italian Soul (II Edizione) nasce dall'intento di far convogliare l'Arte Visiva Italiana negli Emirati Arabi, terra dalle grandi potenzialità espositive (inaugurato nel dicembre 2014 il Louvre Museum e nei prossimi mesi del 2015 saranno inaugurati il Guggenheim Museum e lo Sheikh Zayed Museum).

Ciò rende questa terra un polo attrattivo di sicuro interesse per collezionisti, facoltosi
appassionati d'arte e turismo dagli alti standard.

Era necessario e doveroso da parte del Centro Culturale Arianna nella persona dell’Art Curator Gina Affinito, prendere in considerazione l'idea di una esposizione di Artisti Italiani in UAE (Emirati Arabi Uniti).

Con grande disponibilità il progetto è stato accolto e supportato dalle Istituzioni italiane estere, Rete Consolare e Ambasciata, Camera di Commercio Esteri ed Ente Italiano per il Turismo. Per la seconda edizione della rassegna il progetto prevede due esposizioni, una in Dubai, l’altra in Abu Dhabi, pur avendo un unico leitmotiv ed un unico format.

LE DATE

L’inaugurazione in Dubai è prevista per il 20 Marzo 2015 alle ore 18.00
L’inaugurazione in Abu Dhabi è prevista per il 28 Marzo 2015 alle ore 18.00
Entrambe le inaugurazioni prevedono presenza e l’intervento augurale delle Istituzioni estere: Consolato Italiano e Camera di Commercio in Dubai, Ambasciata in Abu Dhabi.

L'ALLESTIMENTO E LE LOCATION

La mostra in Dubai sarà ubicata nella prestigiosa sala del
Don Alfonso 1890 Restaurant nostro sponsor e partner (www.donalfonso.ae)

La mostra in Abu Dhabi sarà ubicata nella Galleria Art Hub, polo culturale e galleristico di Abu Dhabi (www.adah.ae)
Gli allestimenti saranno curati da Gina Affinito.

La mostra in Art Hub è nata in collaborazione con la Repubblica della Lettonia che presenta il “Latvia Art Month” nella medesima giornata di inaugurazione. Questo per permettere alle due Nazioni, Italia e Lettonia un confronto ed uno scambio artistico proficuo. Le opere resteranno in mostra per due settimane in Dubai e per una settimana in Abu Dhabi.

Artista Ospite dell'evento in Abu Dhabi sarà Todd Williamson, artista contemporaneo di Los Angeles (USA), che ha esposto in Giappone, Cina, Italia, Germania, Francia, Corea, Spagna, e Stati Uniti. Todd è stato nominato come uno dei migliori artisti contemporanei da Art & Living Magazine, ed è stato nel 2010 destinatario del prestigioso premio Pollock Krasner Foundation. Ha ricevuto due Premi astratti da Artslant Online, un Merito Artistico da 1307 Art-Napoli Italia, ed un Premio dai curatori del Micro Museum di Brooklyn NY.

Italian Soul team:

Immacolata Maddaloni, Presidente Centro Culturale Arianna
Gina Affinito, Art Curator
Grazia Nuzzi, Storico e Critico dell’Arte
Artrooms, Web Gallery Partner
Majid Rais, traduzioni in lingua araba
Tania Sabatino, Ufficio Stampa
Mariano Cervone, impaginazione grafica
Aleksandra Mandic, fotografo ufficiale
Emanuele Antonio, supporter
Ruzanna Poghosyan, supporter and spedizioni internazionali
Karen Elizabeth Hart, art director Abu Dhabi Art Hub

Gli Artisti selezionati

Marialuisa Acciaioli
Anna Avossa
Diego Caicedo
Mina Cappussi
Federica Costantino
Pino De Carlo
Alessandra De Zan
Cristina Flaviano
Stefania Fragano
Antonio Franchi
Sandro Frinolli Puzzilli
Tommaso Infè
Egidio Iovanna
Tina Lattarulo
Livio Lopedote
Gabriella Lusignani
Maria G. Maddaluno
Silvia Magistro
Lia Maglione
Leonardo Martellucci
Chiara Mazza
Lara Messina
Carlo Moretti
Vincenzo Musardo
Enrico Pambianchi
Ivan Pili
Mario Pizzi
Ciro Pompeo
Simone Rosti
Giovanni Salvati
Elena Savokhina
Maria Antonietta Scala
Gianfranco Schifano
Marina Taroni
Orlando Tocco
Maria Zimari


Per richiedere ulteriori informazioni che non siano indicate nel presente comunicato contattare la curatrice Gina Affinito ai numeri 327.3463882 (Italia) – 971.554732207 (Emirati Arabi) o scrivere a gina.affinito@gmail.com
Eventi che potrebbero interessarti
Le stanze d'Aragona - Pratiche pittoriche in Italia all’alba del nuovo millennio (Capitolo 1)
12/03/2015 - 02/05/2015
Palermo (PA) - Sicilia
Inserito da Tiziana Pantaleo
Prenderà il via il prossimo 12 Marzo a Palermo “Le stanze d’Aragona” un progetto artistico-culturale dedicato alla pittura contemporanea italiana, promosso da RizzutoGallery in collaborazione con il Comune di Palermo, la Regione Siciliana ed ERSU Palermo.
Una trilogia espositiva. Una ricognizione ragionata della scena pittorica italiana degli ultimi anni, filtrata dallo sguardo di due curatori. Una scelta inevitabilmente non esaustiva, ma che partendo da una prospettiva critica riunisca alcuni tra i più interessanti talenti italiani delle ultime generazioni, impegnati in una ricerca (principalmente, ma non esclusivamente) pittorica in cui l’astrazione è protagonista.
È questo il senso del progetto messo a punto da Andrea Bruciati ed Helga Marsala che prenderà vita tra marzo e novembre 2015 attraverso tre appuntamenti: le prime due mostre collettive saranno inaugurate alla RizzutoGallery rispettivamente il 12 Marzo 2015 e il 21 Maggio 2015, e coinvolgeranno otto artisti ciascuna; la terza grande mostra finale sarà inaugurata nel mese di Settembre 2015 in uno spazio espositivo istituzionale e coinvolgerà i primi sedici artisti più altri sedici, per un totale di 32 artisti ed oltre 50 opere d'arte in esposizione. In quest’ultima tappa saranno presenti anche alcune figure riconosciute a livello internazionale, che abbiano rappresentato dei riferimenti diretti o indiretti per le nuove generazioni: una maniera per tracciare delle linee di continuità e di divergenza, identificando processi più o meno sotterranei di germinazione intellettuale e visiva. La mostra finale sarà accompagnata da un ampio catalogo, in cui raccogliere – accanto alla documentazione dell’intero progetto - saggi critici, riflessioni e spunti teorici intorno alla pittura contemporanea.
In un momento in cui l’Italia recupera il linguaggio pittorico come pratica à la page (dopo decenni di isolamento e di mortificazione), “Le stanze d’Aragona” vuole essere un progetto mosso da un’urgenza storico-critica e da una necessità di analisi ad ampio raggio, tra riflessioni estetiche, culturali, di linguaggio e di sistema. La grande tradizione della pittura italiana, nell’ultimo scorcio di secolo non sufficientemente premiata dai contesti internazionali, resta una realtà intorno a cui recuperare consapevolezza e costruire dinamiche virtuose di pensiero, di indagine intellettuale, di veicolazione istituzionale e anche di mercato.
Tantissimi sono i pittori italiani, oggi, che portano avanti ricerche di qualità. Tantissimi sono gli stili, gli approcci, gli immaginari. “Le stanze d’Aragona” ha scelto alcune linee guida, identificando delle emergenze e dei tratti comuni intorno a cui tessere un discorso critico. Il vento nuovo e ciclico dell’astrazione è senz’altro protagonista, ma accanto ad alcune ricerche legate alla figurazione: una maniera per assottigliare la dicotomia netta tra questi due poli, concentrandosi su un pittura dalla natura fortemente concettuale ed intellettuale. In un dialogo nuovo e spesso audace con altri linguaggi affini, dalla scultura all’architettura, passando per l’installazione.
Scegliere Palermo e scegliere un titolo dal sapore quattrocentesco, che riporti alla celebre “stagione internazionale” della cultura siciliana, culminata nei regni di Ferdinando I e Alfonso d'Aragona, non è un caso. E probabilmente è anche una provocazione. Non Milano o Torino, non i circuiti più accreditati, non il centro del sistema italiano. “Le stanze d’Aragona” riparte da un luogo oggi considerato marginale, che un tempo fu fucina di avanguardie e talenti straordinari, per ribadire che il cuore delle cose, e la sostanza, e lo sguardo differente, appartengono non alle forme, non agli equilibri provvisori, non alle gerarchie e le tendenze accreditate. Anzi. Qualche volta è intorno alle luminose periferie – del mondo, ma soprattutto del pensiero – che i tanti centri possibili ruotano e si ridefiniscono.

La prima mostra - che sarà inaugurata il 12 marzo 2015 alla RizzutoGallery - ospita i lavori di Anna Gramaccia, Cristiano Menchini, Lorenzo Morri, Barbara Prenka, Massimo Stenta, Sulltane Tusha, Marco Useli, Serena Vestrucci.
“Al centro una riflessione sulla pelle come superficie: il suo limite è la cornice, il colore il suo cromosoma. Una pittura aniconica quale testimonianza della nostra contemporaneità. Ragionando su queste tre categorie si effettua una ricognizione fattuale tra otto giovanissimi artisti che si cimentano sul dispositivo pittorico. Un campo di alienazione forse, di certo un aggiornamento esperienziale dal celebre Dialogo di Ludovico Dolce (Venezia, 1565), dove si ragionava sulla qualità, diversità e proprietà dei colori e sul suo intenderli e rappresentarli come sostanza e non come sintomo epiteliale. Un atto, il loro, che si esplica su una porzione limitata di spazio ma che potenzialmente si espande fino al punto originario della sensorialità, per una diversa accezione di astrazione”.
PaviArt torna ad aprile durante la design week
07/04/2017 - 09/04/2017
Palermo (PA) - Sicilia
Inserito da Raffaella Caruso
Dall’ 8 al 9 aprile 2017 con il Patrocinio di Regione Lombardia, della Provincia e del Comune di Pavia e della Camera di Commercio si svolgerà presso il Palazzo Esposizioni la quinta edizione di PaviArt, mostra mercato dedicata all’arte moderna e contemporanea.
PaviArt rappresenta ormai per collezionisti e galleristi un appuntamento di grande interesse. La quarta edizione è terminata infatti con un risultato che è andato oltre le più rosee previsioni: una grandissima partecipazione di visitatori che in due giorni hanno potuto ammirare e acquistare opere d’arte di assoluto valore, con grande soddisfazione delle importanti gallerie partecipanti, provenienti da tutta Italia e dall’estero. A fare grande una fiera non è dunque l’estensione della struttura ospitante, né il numero delle gallerie, ma la qualità delle proposte e l’accuratezza organizzativa. Sono comunque ben 60 le gallerie che hanno scelto anche quest’anno PaviArt per consolidare e tessere nuove relazioni con collezionisti, critici, giornalisti e appassionati:
Acca Edizioni, Roma; Albanese Arte, Matera; Allegrini Arte, Brescia; Andrea Ingenito Contemporary Art AICA, Milano; AntiGallery, Mestre (VE); Archivio Maggioni, Vigano (LC); Arte Colonna, Appiano Gentile (CO); Arte Elite, Savona; ArteSanterasmo, Milano; B&B Arte BonelliLAb, Canneto sull’Oglio; Biancoscuro, Pavia; Bonioni Arte, Reggio Emilia; Brunelli - Anselmi – Bianchini, Pavia; Casati Arte Contemporanea, Muggiò (MB); Castel Negrino Arte, Aicurzio (MB); Colossi Arte Contemporanea, Brescia; Diffusione Arte Polimnia , Bovezzo (BS); Eidos Immagini Contemporanee, Asti; EmmeBi Arte e Libri, Milano; Engema Arte, Nocera Inferiore (SA); Enrico Art Suite, Verona; Fornara Gallery, Marbella (Spain); Galleria Ambre Italia, Padova; Galleria Centro Steccata, Parma; Galleria d’Arte 56, Bologna; Galleria d’Arte Mirò, Teramo; Galleria d’Arte Ottonovecento, Mombello (VA); Galleria E3, Brescia; Galleria Liguri Undici, Pavia; Galleria Scarchilli, Roma; Galleria Spazia, Bologna; Galleria Wikiarte, Bologna; Gattafame Art Gallery, Bernareggio (MB); Gio Arte, Mestre (VE); Hipponion, Bussolengo (VR); La Tesoriera , Torino; Labs Gallery, Bologna; Lara e Rino Costa, Valenza (AL); Linking Art Gallery, Firenze; Lo Spazio, Brescia; Monteoliveto Gallery, Nizza (Francia) – Napoli; Percapita Arte Contemporanea, Carpi (MO); Ponti x l'arte, Milano; Prigione Fine Art , Alessandria; Proposte d’Arte, Legnano (MI); Punto sull'Arte, Varese; Res Publica Galleria d'Arte Democratica, Venaria Reale (TO); Soave Arte, Alessandria; Spazio Lavit, Varese; Studio d’Arte Spelta, Milano; Studio Papucci Luciano, S. Giovanni alla Vena (PISA); Zena Arte-Gabriele Accetta, Genova.
Interessanti come sempre gli artisti: dai maestri del Novecento Gino Severini, Giorgio De Chirico, Sironi e Guttuso, fino ai protagonisti degli anni 60 e 70 come Gianni Bertini, Mario Schifano, Getulio Alviani, Alighiero Boetti, Agostino Bonalumi, Enrico Castellani, Giuseppe Uncini, Alberto Biasi PaviArt rafforza il dialogo tra moderno e contemporaneo intrapreso fin dalla sua prima edizione.
Confermata anche l’area dedicata alle nuove proposte per dar visibilità ad artisti emergenti accuratamente selezionati dall’associazione culturale Biancoscuro.
Una particolare opera arricchirà quest’anno la manifestazione: presso lo stand della Galleria Centro Steccata l’artista italo/greco Aris Marakis presenterà un’installazione scultorea vasofona, risultato dell’unione tra scultura e suono. Alcune opere dell’artista sono state esposte all’Accademia di belle Arti di Brera e alla WE Gallery di Berlino e questo weekend di aprile i visitatori di PaviArt potranno provare in prima persona l’ebrezza di riprodurre il suono ancestrale dello zufolo con l’opera “Autoritratto vasocefalo”.
Due giornate intense durante le quali il Palazzo Esposizioni si trasforma in una grande galleria collettiva , occasione di incontri e opportunità, pronta ad accogliere i suoi visitatori in un perfetto equilibrio tra passione e qualità.
Il pubblico della manifestazione si riconferma pavese e non solo. PaviArt 2017 infatti è strategicamente collocata durante la settimana del Salone del Mobile e senza sovrapporsi alle proposte ormai tipicamente meneghine è pronta ad accogliere tutti gli appassionati che si riversano in Lombardia per un evento che sempre più vuole far dialogare il design con l’arte. Una fiera che parla italiano ma si rivolge ad un collezionismo sempre più globale. Un grande appuntamento dunque per Pavia, città d’arte e di cultura.

PaviArt
8-9 Aprile 2017
Pavia, Palazzo Esposizioni – P.le Europa
Organizzazione: DEA SERVIZI
Direttore artistico: Giovanni Zucca
Orari: Sabato e domenica 10-20
Inaugurazione su invito venerdì 7 aprile dalle 18 alle 22
Biglietto euro 8, ridotto euro 4
Info www.paviart.it info@deaservizi.it tel. 0382. 483430-348.9719961