Evento: All You Need Is…
10/02/2018 - 08/04/2018
0 0
Effettua l'accesso per inserire un commento
0/0 Commenti
Inserzionista
Artista , Carrara
Dettagli
Data di inserimento: 01/02/2018 - 23:05
Luogo: Carrara (MS) - Toscana
Data di inizio: 10/02/2018
Data di fine 08/04/2018
Descrizione
Galleria Duomo
presenta
All You Need Is…
Mostra personale di
Silvio Santini
a cura di Filippo Rolla
Patrocinio: Comune di Carrara e Club Unesco Carrara dei Marmi

Inaugurazione sabato 10 Febbraio – ore 17.00
Via Finelli, 22/b – Carrara (MS)
Apertura Mostra: da Sabato 10 Febbraio a Domenica 8 Aprile 2018
Orario di visita: Venerdì – Sabato – Domenica 17.00 alle 20.00
Info/appuntamenti cell. 333 184 37 05


Amore non guarda con gli occhi ma col cuore
Shakespeare
All You Need Is…
Tutto ciò di cui hai bisogno è Amore. John Lennon affermava che basta solo un po' d'amore per superare tutti i limiti dell'uomo, della vita e del mondo, dato che non si può conoscere nulla di ciò che non sia noto e non si può vedere nulla che non sia visibile.
Non c’è niente che tu possa fare che non sia possibile fare…puoi imparare col tempo ad essere te stesso.
Così Silvio Santini ha scolpito, in marmi e graniti, la sua linea del tempo con amore e con eleganza ha fatto sognare le persone, sensibilizzandole al fascino della scultura.
Oggi, con la mostra personale dal titolo All You Need Is…, Santini presenta un progetto artistico che collega scultura e pittura in un unico tema, l’Amore. Sette sculture e sedici quadri dove l’Amore, quel demone interiore creativo, trasforma materia e pensiero diventando così necessario ed indispensabile per la ricerca fino ad assumere quel valore che dà un senso alla vita.
Amore senza fine è la prima scultura in Bianco Carrara che incontriamo e, come cantava Pino Daniele, se mi guardi con gli occhi dell’amore, non ci lasceremo più, inganneremo il tempo e il dolore…e cambieremo il mondo ogni volta che vuoi. E poi due dipinti LOVE e LOVELY, l’amore bello, meraviglioso, delizioso, affascinante, incantevole, attraente, leggiadro dove i colori primari fanno da sfondo è un omaggio a Robert Indiana, lo scultore più celebre della Pop Art.
Se per un attimo nel corso del nostro viaggio artistico ci soffermiamo davanti alle opere di Santini con la nostra capacità di osservarle in profondità, possiamo percepire quella vitalità che emanano e questo momento diventa un modo di riconoscersi nel tempo e nello spazio, un'occasione di essere con noi stessi nel mondo.
Filippo Rolla
Carrara, 20 gennaio 2018
Altri eventi dell'inserzionista
Il colore delle emozioni
21/03/2015 - 19/04/2015
Carrara (MS) - Toscana
Inserito da Filippo Rolla
La Galleria Duomo di Carrara presenta, con il patrocinio del Comune di Carrara e del Club UNESCO Carrara dei Marmi (MS), la mostra personale di Andrea Giusti dal titolo Il colore delle emozioni a cura di Filippo Rolla, che inaugurerà sabato 21 marzo ore 18.00 e sarà visibile fino a domenica 19 aprile 2015 nei giorni di apertura al pubblico (venerdì – sabato – domenica dalle ore 17.00 alle ore 20.00 oppure su appuntamento).
In mostra i quadri realizzati dal giovane artista, originario di Massa, dal 2012 ad oggi ispirati all’ Action painting e all’Espressionismo astratto americano degli anni '40. Durante l’inaugurazione sarà presentato il catalogo della mostra a cura di Filippo Rolla.

La selezione dei lavori di Giusti, da parte del curatore della mostra Filippo Rolla, rimanda al contesto storico ed artistico che lo ha ispirato ma assume un nuovo significato attraverso l’uso del colore che racconta emozioni vive ed esplosive rappresentando su tela il suo vissuto e la sua intimità. In alcuni lavori vi è un chiaro e manifesto influsso dell’artista statunitense Jackson Pollock e della tecnica del dripping, ed anche Giusti per questi suoi lavori pone la tela al suolo e fa gocciolare il colore spontaneamente da pennelli o bastoncini.

Ciò che lo differenzia dal suo mentore è soprattutto quello che vuole dipingere attraverso i colori acrilici che qualche volta miscela con gesso o stucco. I contenuti della sua pittura sono infatti le sue emozioni, primordiali o secondarie prima ancora dei sentimenti, che assumono in quel dato momento le sembianze di un colore o di un segno. È proprio questa sua nuova ricerca artistica focalizzata esclusivamente sull'emozione ed il suo colore corrispettivo, a far sì che lo sgocciolamento assuma un significato narrativo: il dripping emotions.

Come scrive nei suoi appunti: “i miei lavori sono realizzati sempre di getto e difficilmente riesco a decidere il risultato finale... La mia pittura è istintiva ed immediata, deriva soltanto dalle mie più profonde emozioni, da uno stato d’animo interiore che vivo in quel preciso momento, e questo momento è unico e irripetibile... le mie mani sono soltanto uno strumento e traducono le emozioni in pittura.”







Andrea Giusti si avvicina alla pittura di recente e completamente da autodidatta. Inizia a dipingere quasi per gioco e curiosità, la sua pittura è istintiva, di getto, e deriva soltanto dalle sue più profonde emozioni. Durante l’arco di tempo dal 2011 ad oggi, molto intenso e proficuo, sviluppa il suo personale genere pittorico chiamato emotions dripping - sgocciolamento d'emozioni – che lo porta all’astratto in tutte le sue varianti, fino all’informale. Nel 2013 è seguito dallo storico e critico d'arte Gabriele Romeo che lo porta a Venezia alla I mostra d'Arte Coreutica e poi alla mostra itinerante Body E-motion. Nello stesso anno è invitato alla IX edizione della Biennale di Firenze dal titolo La Carta Etica dell'artista nel secolo digitale, mentre nel 2014 è di nuovo a Venezia per la mostra tributo dedicata a Giorgio Celiberti dal titolo Segni Antropomorfi e all'edizione della mostra-evento Call'Art che si è svolta nel Chiostro Medievale dell'Ex Convento della Chiesa di San Giobbe.



GALLERIA DUOMO
Via Finelli, 22 - 54033 Carrara (MS)
Tel. 0585 71839
Email: info@galleriaduomo.it
www.galleriaduomo.it
Frontiere di equilibrio: rallentare, attendere e permanere.
10/09/2016 - 10/09/2016
Carrara (MS) - Toscana
Inserito da Filippo Rolla
Galleria Duomo presenta brevi osservazioni di Filippo Rolla e note musicali di Davide Giromini: dal titolo: Frontiere di equilibrio: rallentare, attendere e permanere.
Mediante brevi osservazioni e note musicali, Filippo Rolla e Davide Giromini vogliono evidenziare tre “dimensioni” dell’esistenza umana: la lentezza, l’attesa e la permanenza che, nella odierna società, si stanno perdendo, con conseguenze non sempre positive.
Come ritrovare una frontiera di equilibrio che ci possa preservare dal cambiamento antropologico in atto voluto dalla società dei consumi? L’idea è quella di trovare uno slowfood per la mente, un nutrimento calmo, piacevole e naturale che ci riporti ai nostri originari bisogni, alle nostre più intime emozioni.
Eventi che potrebbero interessarti
Reading Risonanze afro-cubane
11/09/2015 - 11/09/2015
Carrara (MS) - Toscana
Inserito da Filippo Rolla
Reading Risonanze afro-cubane - poesia e musica
di Filippo Rolla e Nicola Toscano
a cura di Galleria Duomo in collaborazione con Festival Convivere di Carrara.

Venerdì 11 settembre 2015 ore 18.30 - Galleria Duomo, via Finelli 22 – Carrara
A seguire apertura del nuovo spazio Galleria Duomo SHOWROOM in Via Santa Maria 9/a

In occasione della grande mostra antologica dal titolo Carrara, Cárdenas e la Negritudine, il reading è un omaggio all'arte dello scultore cubano Agustin Cárdenas e, tramite la sua opera, anche alla Terra, madre dei valori umani, nella rivisitazione di musica e poesia afro-cubana che portano con sé quel modo di vivere proprio del movimento letterario, culturale e politico della Negritudine. Filippo Rolla, artista-poeta, e Nicola Toscano, musicista-compositore, offriranno un loro personale e originale contributo, interpretando testi di José Julián Martí Perez e Nicolas Guillén ed eseguendo musiche di Silvio Rodriguez.
La prima edizione di EXPOARTE, Montichiari-Brescia inaugura il 23 settembre la stagione delle fiere
24/09/2016 - 25/09/2016
Carrara (MS) - Toscana
Inserito da Raffaella Caruso

Il 24 e 25 settembre 2016 il Centro Fiera del Garda (BS) ospiterà nel padiglione centrale la prima edizione di EXPOARTE Moderna e Contemporanea. L'esposizione firmata DEA Servizi, sarà animata da 70 tra le più prestigiose gallerie d’arte provenienti da tutta Italia e da un ricco programma di eventi collaterali tra cui Gianni Bertini- Donne e Motori… prodotto da Eidos Immagini Contemporanee e a cura di Raffaella A. Caruso.
Tra i tanti autori presentati in fiera nomi d’eccellenza quali De Chirico, De Pisis, Tozzi, Guttuso, Fontana, Mathieu, Castellani, Bonalumi, Vasarely, Schifano, Rotella, Festa, Boetti, Aubertin, Biasi, Pinelli, Simeti, Christo, proposto anche dalla Galleria Colossi Arte Contemporanea di Brescia in uno spazio espositivo dedicato.
Sotto la direzione artistica di Giovanni Zucca e grazie all’esperienza maturata dagli organizzatori di PaviArt, (l’appuntamento di arte più esclusivo della provincia di Pavia che anno dopo anno conferma una grande vitalità sia in termini di presenze che di contatti d’affari) anche Expoarte sarà un appuntamento unico per appassionati e collezionisti, un connubio tra arte, cultura e passione dalle ricche articolazioni tematiche per confrontare le molteplici anime dell’arte del Novecento e del contemporaneo. Subito gli spettatori saranno accolti all’ingresso del padiglione da un’installazione dell’artista bolognese Giorgio Bevignani, vincitore della terza edizione del premio Spotlight 2015.
Due poi le mostre collaterali presentate a sottolineare il valore culturale dell’evento: Giuseppe Chiari, Antologica a cura di Armanda Gori e Gianni Bertini-Donne e motori… prodotta da Eidos Immagini Contemporanee e a cura di Raffaella A. Caruso. Dunque uno dei maggior esponenti Fluxus e il padre della Mec art raccontati per immagini e con opere di rilievo museale.
Donne e motori…presentata con il supporto scientifico dell’ Associazione Gianni Bertini, nell’intendimento del curatore vuole essere dunque non solo una prima rilettura di un grande che ha attraversato da protagonista e spesso da antesignano tutti i movimenti del XX secolo (astratto-geometrico, nucleare, informale, pop), ma anche un omaggio a Brescia, città delle Mille Miglia, studiato per incuriosire gli amanti dell’arte, delle belle auto e perché no delle belle donne! Ingranaggi, bielle pistoni furono per Bertini un’ossessione, forse eredità del futurismo, forse della formazione accademica che fu scientifica. Laureato alla normale di Pisa, abituato alla fluidità matematica il suo gesto muove subito naturalmente in tondo, trasformandosi in strutture semi-bullonate, in pezzi di bielle e di ingranaggi. È giovane Bertini, ma l’ossessione per i motori e la velocità propria del futurismo prima e del pop dopo gli rimarrà anche più avanti, nelle macchine, nei centauri, nelle amazzoni, eroi e semidei imprigionati nella contemporaneità. Così all’aspetto per così dire epico del suo lavoro, sottolineato dall’uso ironico dei titoli, si sovrappongono lucide e feroci critiche al contemporaneo, la possibilità di punti di vista molteplici e altri, con una ricca sovrapposizione dei piani narrativi che il pop statunitense non ebbe. Tutto in una leggerezza e freschezza iconografica disincantata che non mancherà di affascinare sia il collezionista più accorto (in un momento peraltro di grande attenzione speculativa del mercato al pop italiano), sia il visitatore neofita sicuramente attratto dall’attualità di questa multiforme e poliedrica figurazione.
SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Dea Servizi – Cura Carpignano - Pavia
info@deaservizi.it - www.expoartemontichiari.it
0382.483430 - 348.9719961
Direttore Artistico: Giovanni Zucca 320.0190275
ORARI:
23 settembre ore 19 PREVIEW SU INVITO
24-25 settembre dalle 10 alle 20
INGRESSO: intero 8 euro – 5 euro ridotto
CENTRO FIERA S.p.A.
Via Brescia, 129 - 25018 Montichiari (BS) – Italia