Evento: RETROSPETTIVA DELLA PITTRICE NICOLETTA BELLI “UN VIAGGIO NEI COLORI E NELLA MATERIA"
01/08/2018 - 26/08/2018
0 0
Effettua l'accesso per inserire un commento
0/0 Commenti
Inserzionista
Altro , Padova
Dettagli
Data di inserimento: 26/07/2018 - 1:02
Luogo: San Vito di Cadore (BL) - Veneto
Data di inizio: 01/08/2018
Data di fine 26/08/2018
Descrizione
Mercoledì 1 Agosto, alle ore 18,30, presso l’Asilo Vecchio di San Vito di Cadore (BL), inaugurerà l’esposizione personale restrospettiva “Un viaggio nei colori e nella materia” della pittrice Nicoletta Belli.
Nella stessa occasione e presso lo stesso spazio espositivo avrà luogo l’apertura della mostra “La montagna immaginata”, collettiva di sedici artisti nell’ambito del decennale dell’evento “L’Arte A Lunga Conversazione”, Rassegna annuale collaterale al “Dolomiti Blues & Soul festival”.
Con il Patrocinio della Regione del Veneto e della Fondazione Dolomiti.
La pittura di Nicoletta Belli prende origine da sensibilità e razionalità, da un senso immediato e istintivo per la forma-colore, che la porta ad elaborare nel tempo una propria cifra stilistica fatta di scomposizione metonimica fra contenente e contenuto: i contorni delle cose si svuotano di materia e allo stesso tempo quest’ultima arriva a divenire sostrato su cui l’oggetto poggia, sposandosi con essa e tracciando la sigla che si configura altresì come sincretismo visivo di quanto in origine percepito unitariamente.
E’ una volontà di arrivare all’essenza, di raggiungere la natura più intima dei soggetti, senza per questo cedere ad un eccessivo trasporto empatico, trasfondendo la conoscenza entro un inquadramento geometrico regolare o irregolare in cui tutto possa acquisire nuove fattezze pur mantenendo le proprie.
Dal generale al particolare e ritorno: nature morte, animali, paesaggi e ritratti si pongono quali paradigmi percettivi con cui confrontarsi e raffrontare la propria esperienza, in foggia di realismo che attraversa le suggestioni dell’arte di Cézanne, del Cubismo e del Futurismo, del primo Astrattismo geometrico fino alla ridefinizione iconizzante della Pop Art. Evitando ad ogni modo di svuotare di identità, ma anche di consuetudine il ritrattato, che appare conservare intatti i suoi connotati distintivi e i tratti salienti della fisionomia, sebbene non addentrandosi in minuzie descrittive, ma mantenendo quell’aura di precisionismo della linea e quella tassellatura caratterizzante che divide il piano di fondo in sfumature di luce, secondo accordi tonali e complementari di tinte opportunamente scelte dipendentemente dalle caratteristiche psicologiche ed emozionali della persona ripresa, o proprie alla situazione riprodotta.
Questi accenti generano riflessione, si configurano come scissione di livelli costituenti la figura che scomponendosi e frammentandosi, disponendosi sulla bidimensionalità della tela inducono a cercare di entrare, col pensiero e l’immaginazione, più addentro al dipinto e a quanto offre allo sguardo, evidenziando una capacità di analisi che mira a restituire il rappresentato a sé stesso, dopo essersene rispettosamente appropriata, dopo averlo “compreso”, raccontato, circoscritto e apprezzato nei suoi aspetti comuni come in quelli salienti, producendo un’armonia pressoché musicale e peculiare ad ognuno.
La retrospettiva “Un viaggio nei colori e nella materia” riassume in maniera esauriente e progressiva oltre un ventennio di attività dell’artista, la quale esplorando il trascorso e il circostante perviene al personale, raggiungendo una sintesi che è specchio del suo sentire e amorevole traduzione del vissuto nel linguaggio della pittura.

In occasione del decennale della Rassegna annuale “Arte A Lunga Conversazione” sedici artisti esplorano in forma pittorica, ciascuno attraverso il proprio stile, modello rappresentativo, codice poetico ed espressivo, il tema della montagna. “Una montagna immaginata” è un titolo emblematico per esprimere quanto il paesaggio dolomitico ha ispirato e suggerito nei secoli - dalla fine del XVIII – inizio XIX secolo, allorché i suoi confini, rigogliosi o aspri e le sue cime fino allora considerate luoghi fantastici e invalicabili, regno di personaggi mitici e magiche creature dei boschi, cominciavano ad essere esplorati, fino ai giorni nostri - ad artisti operanti nell’ambito dei più diversi filoni e correnti di pensiero.
La montagna diviene luogo dell’anima, oltre che scenario suggestivo in cui ambientare le proprie raffigurazioni, spazio fisico e spazio metaforico, la tangibilità che si congiunge all’immateriale, quella sottile linea di demarcazione fra la terra e il cielo il cui confine ad un certo punto si fonde e attraverso l’immanenza del segno, del gesto, del colore che si spande sulla tela, degli aggiungimenti materici, del dissolversi dei contorni nel fluire dei pensieri e delle emozioni, ci ricongiunge al trascendente.
Quattro le opere presentate da ciascun partecipante, di piccolo formato, di genere figurativo o astratto, informale materico o segnico, fino alla grafica e al concettuale e ad una nuova modalità di figurazione che nella costruzione delle masse plastiche attraverso il colore mira a mettere in evidenza la potenza delle impressioni sensoriali e degli stati interiori.
La mostra resterà visitabile fino al 26 Agosto
Asilo Vecchio di San Vito di Cadore, Corso Italia 92/94
Altri eventi dell'inserzionista
Inaugurazione della mostra collettiva di pittura “Noi di Riviera Mussato” in Galleria MoMArt Padova
11/06/2016 - 19/06/2016
Padova (PD) - Veneto
Inserito da Maria Palladino
Sabato 11 giugno alle ore 18,00, presso la Galleria MoMArt, Riviera Mussato 4, Padova, inaugurerà la collettiva di pittura “Noi di Riviera Mussato”, esposizione delle allieve frequentanti i corsi dell’associazione “A&T Design” di Padova. A cura di Maria Palladino.
La collettiva “Noi di Riviera Mussato”, raccoglie le opere di pittura delle partecipanti ai corsi 2016 dell’associazione “A&T Design”, che rappresentano l’esito di un percorso di studio e di pratica sui materiali e i mezzi del fare arte, vissuto in condivisione e sperimentato singolarmente negli esiti e nelle acquisizioni conquistate da ogni allieva nel suo iter di formazione.
In tutti i gruppi artistici e manifesti programmatici della storia dell’arte del passato, denominatore comune essenziale è sempre stato l’elemento della condivisione: condivisione progettuale, di intenti, di idee, di stili e tecniche, o anche semplicemente componenti di affinità o di provenienza geografica. Il tutto a definire un legame più o meno saldo e più o meno duraturo che rispecchiasse un’epoca, un nuovo andamento, un ideologia.
Non è più possibile purtroppo, allo stato attuale delle cose nella società odierna, parlare di movimento, di filone artistico, in un momento storico in cui tutto punta all’individualità, e in una particolare condizione di mercato, perlomeno per quanto concerne il nostro paese.
Caratteristica che distingue piacevolmente il gruppo di Riviera Mussato è proprio questo sentore di unità di intenti e di amicizia che vi si percepisce: la sensazione di un cammino comune affrontato con la gioia della compartecipazione e allo stesso tempo l’applicazione alla ricerca e alla scoperta della propria personale e originale identità artistica.
Le pittrici di “A&T Design” approfondiscono i temi della figura e del panneggio, della natura morta e del paesaggio, attraverso la cura del disegno e della composizione, come anche i procedimenti e i modi della realizzazione astratta e l’analisi dell’uso del colore e dei materiali, sotto la guida delle insegnanti Alessandra Andreose e Cristina Zucchi.
Il tutto condotto secondo un metodo di lavoro che sa affiancare al rigore sistematico dell’applicazione delle procedure e dei sistemi uno spirito di scambio e riscontro reciproco, di suggerimento e passaggio di soluzioni e di esperienze che rende questo corso pittorico differente dalle altre realtà di questo tipo, e vi aggiunge un carattere di esclusività che lo contraddistingue e lo definisce nel panorama artistico della città di Padova.
Le artiste espositrici saranno: Loretta Bellinello, Anna Belloni, Anna Finesso, Miriam Gallo, Giulia Gardin, Anna Malacrida, Alessia Oryekhova, Sandra Pinato, Camelia Ruiz, Donatella Saccuman, Silvia Saro, Deborah Soranzo, Rita Sutera, Sara Trentanovi, Monica Vaccari.
Le opere esposte costituiscono i risultati personali e i raggiungimenti collettivi in cui emergono personalità e caratteri, stili e linguaggi più o meno compiuti e definiti, strade e più o meno distintamente chiarificate, tutti legati insieme dal piacere della scoperta, dalla bellezza della facoltà creativa individuale e dallo spirito di unità e di cordiale consuetudine che si manifesta in questo contesto.
La mostra “Noi di Riviera Mussato” offre al visitatore uno spaccato di quanto suddetto, l’occasione per ammirare dipinti di indubbia qualità e gusto artistico, sensibilità e ricercatezza negli accostamenti cromatici e nell’alternanza di luci e ombre, piacevolezza d’espressione e particolarità dell’indagine e della visione propria ad ognuna delle autrici proposte.
04.06.2016 Maria Palladino

La mostra resterà visitabile fino al 19 giugno in orario: lun., mer., giov., ven., sab. 15,30 - 19,00. Ingresso libero.
Per informazioni:
www.aetdesign.it
alessandra_andreose@libero.it
www.momart.padova.it
info@momartpadova.it
Maria Palladino:
3341695479
audramsa@outlook.it
RETROSPETTIVA DELLA PITTRICE NICOLETTA BELLI “UN VIAGGIO NEI COLORI E NELLA MATERIA"
01/08/2018 - 26/08/2018
San Vito di Cadore (BL) - Veneto
Inserito da Maria Palladino
Mercoledì 1 Agosto, alle ore 18,30, presso l’Asilo Vecchio di San Vito di Cadore (BL), inaugurerà l’esposizione personale restrospettiva “Un viaggio nei colori e nella materia” della pittrice Nicoletta Belli.
Nella stessa occasione e presso lo stesso spazio espositivo avrà luogo l’apertura della mostra “La montagna immaginata”, collettiva di sedici artisti nell’ambito del decennale dell’evento “L’Arte A Lunga Conversazione”, Rassegna annuale collaterale al “Dolomiti Blues & Soul festival”.
Con il Patrocinio della Regione del Veneto e della Fondazione Dolomiti.
La pittura di Nicoletta Belli prende origine da sensibilità e razionalità, da un senso immediato e istintivo per la forma-colore, che la porta ad elaborare nel tempo una propria cifra stilistica fatta di scomposizione metonimica fra contenente e contenuto: i contorni delle cose si svuotano di materia e allo stesso tempo quest’ultima arriva a divenire sostrato su cui l’oggetto poggia, sposandosi con essa e tracciando la sigla che si configura altresì come sincretismo visivo di quanto in origine percepito unitariamente.
E’ una volontà di arrivare all’essenza, di raggiungere la natura più intima dei soggetti, senza per questo cedere ad un eccessivo trasporto empatico, trasfondendo la conoscenza entro un inquadramento geometrico regolare o irregolare in cui tutto possa acquisire nuove fattezze pur mantenendo le proprie.
Dal generale al particolare e ritorno: nature morte, animali, paesaggi e ritratti si pongono quali paradigmi percettivi con cui confrontarsi e raffrontare la propria esperienza, in foggia di realismo che attraversa le suggestioni dell’arte di Cézanne, del Cubismo e del Futurismo, del primo Astrattismo geometrico fino alla ridefinizione iconizzante della Pop Art. Evitando ad ogni modo di svuotare di identità, ma anche di consuetudine il ritrattato, che appare conservare intatti i suoi connotati distintivi e i tratti salienti della fisionomia, sebbene non addentrandosi in minuzie descrittive, ma mantenendo quell’aura di precisionismo della linea e quella tassellatura caratterizzante che divide il piano di fondo in sfumature di luce, secondo accordi tonali e complementari di tinte opportunamente scelte dipendentemente dalle caratteristiche psicologiche ed emozionali della persona ripresa, o proprie alla situazione riprodotta.
Questi accenti generano riflessione, si configurano come scissione di livelli costituenti la figura che scomponendosi e frammentandosi, disponendosi sulla bidimensionalità della tela inducono a cercare di entrare, col pensiero e l’immaginazione, più addentro al dipinto e a quanto offre allo sguardo, evidenziando una capacità di analisi che mira a restituire il rappresentato a sé stesso, dopo essersene rispettosamente appropriata, dopo averlo “compreso”, raccontato, circoscritto e apprezzato nei suoi aspetti comuni come in quelli salienti, producendo un’armonia pressoché musicale e peculiare ad ognuno.
La retrospettiva “Un viaggio nei colori e nella materia” riassume in maniera esauriente e progressiva oltre un ventennio di attività dell’artista, la quale esplorando il trascorso e il circostante perviene al personale, raggiungendo una sintesi che è specchio del suo sentire e amorevole traduzione del vissuto nel linguaggio della pittura.

In occasione del decennale della Rassegna annuale “Arte A Lunga Conversazione” sedici artisti esplorano in forma pittorica, ciascuno attraverso il proprio stile, modello rappresentativo, codice poetico ed espressivo, il tema della montagna. “Una montagna immaginata” è un titolo emblematico per esprimere quanto il paesaggio dolomitico ha ispirato e suggerito nei secoli - dalla fine del XVIII – inizio XIX secolo, allorché i suoi confini, rigogliosi o aspri e le sue cime fino allora considerate luoghi fantastici e invalicabili, regno di personaggi mitici e magiche creature dei boschi, cominciavano ad essere esplorati, fino ai giorni nostri - ad artisti operanti nell’ambito dei più diversi filoni e correnti di pensiero.
La montagna diviene luogo dell’anima, oltre che scenario suggestivo in cui ambientare le proprie raffigurazioni, spazio fisico e spazio metaforico, la tangibilità che si congiunge all’immateriale, quella sottile linea di demarcazione fra la terra e il cielo il cui confine ad un certo punto si fonde e attraverso l’immanenza del segno, del gesto, del colore che si spande sulla tela, degli aggiungimenti materici, del dissolversi dei contorni nel fluire dei pensieri e delle emozioni, ci ricongiunge al trascendente.
Quattro le opere presentate da ciascun partecipante, di piccolo formato, di genere figurativo o astratto, informale materico o segnico, fino alla grafica e al concettuale e ad una nuova modalità di figurazione che nella costruzione delle masse plastiche attraverso il colore mira a mettere in evidenza la potenza delle impressioni sensoriali e degli stati interiori.
La mostra resterà visitabile fino al 26 Agosto
Asilo Vecchio di San Vito di Cadore, Corso Italia 92/94
Eventi che potrebbero interessarti
Il segreto dei Giusti
23/01/2016 - 21/02/2016
San Vito di Cadore (BL) - Veneto
Inserito da CSArt Serri
Dal 23 gennaio al 21 febbraio 2016 la Galleria Espositiva del Museo “Il Correggio” (Palazzo dei Principi, C.so Cavour, 7, Correggio) ospita la mostra “Il segreto dei Giusti”, una collettiva a cura di Margherita Fontanesi, promossa dal Comune di Correggio in occasione della Giornata della Memoria (mercoledì 27 gennaio).
L’esposizione, che sarà ufficialmente inaugurata domenica 24 gennaio alle ore 17.00, propone opere di Mirko Baricchi, Paul Beel, Ariela Böhm, Alfio Giurato, Fosco Grisendi, Ester Grossi, Lea Golda Holterman, Federico Infante, Massimo Lagrotteria, Marco Martelli, Matteo Massagrande, Sonia Maria Luce Possentini, Matteo Pugliese, Tobia Ravà, Max Rohr, Matteo Tenardi, Wainer Vaccari. Si tratta di artisti di rilievo internazionale, le cui opere hanno il compito di illustrare l’importantissimo ruolo dei Giusti fra le Nazioni, non ebrei che, durante la Seconda Guerra Mondiale, salvarono tantissimi ebrei dall’Olocausto.
Accanto alla pittura sono stati selezionati per la mostra anche sculture, fotografie e video, offrendo diversi mezzi espressivi e coinvolgendo nuove tipologie di artisti.
Da alcuni anni il Comune di Correggio ha scelto l’arte contemporanea come linguaggio complementare per parlare di Shoah, accanto ai veri e propri approfondimenti storici: se questi ultimi sono essenziali per la narrazione e la conoscenza dei fatti, il linguaggio dell’arte permette di creare quella giusta empatia che tocca le corde più profonde dell’animo umano e apre la strada alla comprensione della storia.
“Il tema, ampio e delicato, è stato affrontato mettendone in evidenza un aspetto in particolare, cioè il ruolo chiave dei Giusti fra le Nazioni che hanno salvato tantissime vite umane rischiando la propria”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. Non solo protagonisti storici dunque ma grandi esempi morali. Pur non dimenticando i sei milioni di morti della Shoah, la mostra spazia su storie a lieto fine, per ricordare come di fronte al Male si può dire anche no”.
Gli artisti selezionati da Margherita Fontanesi, ebrei e non ebrei, rappresentano bene il panorama dell’arte figurativa contemporanea: “Attraverso le loro opere”, continua il sindaco, “la mostra vuole invitare a conoscere meglio le storie dei Giusti e suggerisce spunti di riflessione su alcuni elementi chiave del loro modo di agire: l’importanza di soccorrere i più deboli, l’anonimato del bene, il coraggio del libero pensiero. Celebrare la Giornata della Memoria, quindi, non significa solo ricordare ciò che è stato, gli orrori che guerra e discriminazioni razziali hanno causato a milioni di innocenti, ma rappresenta un dovere istituzionale perché quelle testimonianze e quell’esperienza sono fondamentali per interpretare l’attualità e le sfide che questa ci pone”.
La mostra è realizzata grazie alla disponibilità di Bonelli Lab (Canneto sull’Oglio, MN), Bonioni Arte (Reggio Emilia), Cardelli & Fontana Arte Contemporanea (Sarzana, SP), Galleria de’ Bonis (Reggio Emilia), Federico Rui Arte Contemporanea (Milano), M77 Gallery (Milano), Punto sull’Arte (Varese), Galleria Restarte (Bologna), Spazio Testoni (Bologna), Zanini Arte (San Benedetto Po, MN).
La sede espositiva è aperta al pubblico il sabato ore 15.30-18.30 e la domenica ore 10-12.30 e 15.30-18.30. Apertura straordinaria, con orari domenicali, mercoledì 27 gennaio, Giornata della memoria. Gli altri giorni su appuntamento (tel. 0522 691806). Ingresso libero. Per informazioni: museo@comune.correggio.re.it, www.museoilcorreggio.org.
Come ideale finissage della mostra, sabato 20 febbraio, alle ore 17, nella sala conferenze “A. Recordati” di Palazzo dei Principi, il dott. Fausto Ciuffi, direttore della Fondazione Villa Emma di Nonantola, terrà una conferenza sul ruolo storico dei Giusti fra le Nazioni.
La Fondazione Villa Emma nasce nel 2004, ispirandosi alla solidarietà che sessant’anni prima aveva portato la comunità di Nonantola ad accogliere 73 giovani ebrei, provenienti da Germania, Austria e Jugoslavia, alla ricerca di un rifugio nel nostro Paese. La Fondazione Villa Emma opera nei settori della ricerca storica, della formazione e della progettazione didattica; promuove iniziative culturali, con attenzione alla storia e alle memorie della seconda guerra mondiale, ai conflitti attuali, al dialogo tra le diversità e alle problematiche interculturali; intrattiene rapporti e scambi con istituzioni che in Italia e all’estero adottano analoghe prospettive di ricerca, con l’obiettivo di raccogliere e documentare i più importanti risultati dei loro studi.
Contemporary Visions ArtCloud #2
07/03/2014 - 30/03/2014
Ravenna (RA) - Emilia-Romagna
Inserito da Marta Fiorentini
Festival di Arte Contemporanea
Dal 7 al 30 marzo 2014

Opening 7 marzo ore 19:00 con perfomance dell’artista russo Mischa Badasyan

c/o Multiverso
Via del Campo d’Arrigo 42/r Firenze

www.dayone-art.com


Contemporary Visions è il festival di arti visive ideato e organizzato dalla fiorentina DAY ONE (www.dayone-art.com), composto da cinque “ArtCloud” (sessioni espositive) e si svolgerà da gennaio a novembre 2014. Senza ricevere finanziamenti pubblici o privati, si sviluppa con l’intento di scoprire nuove proposte nel panorama nazionale e internazionale per aumentare e migliorare l’offerta d’arte contemporanea a Firenze.

Questo secondo appuntamento Artlcoud#2 sarà inaugurato venerdì 7 marzo ore 19:00 dalla performance del giovane russo di origini armeno-georgiane Mischa Badasyan che presenterà per la prima volta in Italia la sua ultima performance SUPERNOVA, realizzata e prodotta durante cinque mesi di residenza artistica in Armenia e già presentata tra gli altri al Queerriotclub di Berlino.
mischa badasyan supernova

Mischa nato nel 1988 a Rostov sul Don (Russia) ha studiato Scienze Politiche alla Rostov South University e ha lavorato nel sociale, per i diritti umani, LGBT e ambientali, tutte tematiche fondamentali nella sua opera. In Inghilterra assiste ad una performance di Marina Abramovic e ad un concerto di Bjork, saranno per lui due esperienze fondamentali tanto da spingerlo ad intraprendere la strada delle performance. Considera il suo lavoro “arte viva” in quanto fermamente convinto che l’arte esista solo attraverso le nostre esperienze di vita. “Non vi è alcuna necessità di utilizzare oggetti fisici per creare, si diventa arte noi stessi. L’arte dovrebbe essere immateriale come ognuno di noi, sentimenti di profondo amore del mondo, della Terra e dell’Umanità… l‘arte, per me, è energia. Esiste solo come uno scambio di energia.

Durante l’esecuzione dal vivo, sono in grado di sentire l’energia dal mio pubblico. Attraverso l’interazione con il mio pubblico, gli spettatori non solo entrano a far parte del mio lavoro, ma la loro energia influenza la mia esibizione.”

Numerosi anche questa volta gli artisti presenti in mostra: Ancora Teresa, Francesco Mangiaracina, Gjert Rognli, Marco Fabozzi, Habiba Zouabi, Marija Golinger, Nicolò Pertoldi, Marta Fiorentini e Akiko Kotani. Le loro opere, tra pittura e fotografia, animeranno lo spazio espositivo del Multiverso sino al 30 marzo.