Evento: CROMIE
13/10/2018 - 02/11/2018
0 0
Effettua l'accesso per inserire un commento
0/0 Commenti
Inserzionista
Dettagli
Data di inserimento: 08/10/2018 - 22:48
Luogo: Napoli (NA) - Campania
Data di inizio: 13/10/2018
Data di fine 02/11/2018
Descrizione
La mostra “CROMIE” promossa dall’Associazione culturale INTENTART e curata dalla dott.ssa Simona Pasquali ha l’intento di riunire insieme una serie di artisti accomunati dalla voglia di creare, e di ricercare nuove forme espressive personali ed intimistiche.
Si svolgerà dal 13 ottobre al 2 novembre 2018, presso lo Spazio Martucci 56 di Napoli e rientra tra gli eventi della 14 Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI - Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani.

Scheda mostra
Titolo - CROMIE
Tipologia - mostra collettiva
Curatrice - Simona Pasquali
Artisti Gabriele Brugnaro - Gianpaolo Cono - Guglielmo De Filippo
Marco Ferrari - Antonio Lucarelli - Jeanine Lucci
Stefania Marino - Paolo Mirmina - Tiziano Moggio
Emanuel Palermo - Franco Paletta - Maurizio Prenna
Marco Randazzo - Vito Sardano - Simona Sarti
Sede espositiva - Spazio Martucci 56 (via Giuseppe Martucci n.56, Napoli)
Inaugurazione - sabato 13 ottobre 2018 ore 18.00
Date - 13 ottobre / 2 novembre 2018
Orari - martedì, mercoledì, venerdì dalle 10.30 alle 13.00 / dalle 17.00 alle 19.00
Organizzazione - Associazione Culturale INTENTART Napoli
Info - Associazione Culturale INTENTART Napoli (www.intentartnapoli.it)
info@intentartnapoli.it / (+39) 3204887582 / Facebook: Intentart Napoli
Spazio Martucci 56: tel. 0810320281/ Facebook: Spazio Martucci 56
Altri eventi dell'inserzionista
CROMIE
13/10/2018 - 02/11/2018
Napoli (NA) - Campania
La mostra “CROMIE” promossa dall’Associazione culturale INTENTART e curata dalla dott.ssa Simona Pasquali ha l’intento di riunire insieme una serie di artisti accomunati dalla voglia di creare, e di ricercare nuove forme espressive personali ed intimistiche.
Si svolgerà dal 13 ottobre al 2 novembre 2018, presso lo Spazio Martucci 56 di Napoli e rientra tra gli eventi della 14 Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI - Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani.

Scheda mostra
Titolo - CROMIE
Tipologia - mostra collettiva
Curatrice - Simona Pasquali
Artisti Gabriele Brugnaro - Gianpaolo Cono - Guglielmo De Filippo
Marco Ferrari - Antonio Lucarelli - Jeanine Lucci
Stefania Marino - Paolo Mirmina - Tiziano Moggio
Emanuel Palermo - Franco Paletta - Maurizio Prenna
Marco Randazzo - Vito Sardano - Simona Sarti
Sede espositiva - Spazio Martucci 56 (via Giuseppe Martucci n.56, Napoli)
Inaugurazione - sabato 13 ottobre 2018 ore 18.00
Date - 13 ottobre / 2 novembre 2018
Orari - martedì, mercoledì, venerdì dalle 10.30 alle 13.00 / dalle 17.00 alle 19.00
Organizzazione - Associazione Culturale INTENTART Napoli
Info - Associazione Culturale INTENTART Napoli (www.intentartnapoli.it)
info@intentartnapoli.it / (+39) 3204887582 / Facebook: Intentart Napoli
Spazio Martucci 56: tel. 0810320281/ Facebook: Spazio Martucci 56
presentazione del catalogo LA DOSE DEL DISINCANTO di Peppe Pappa
06/09/2018 - 06/09/2018
Napoli (NA) - Campania
Giovedì 6 settembre 2018 alle ore 18 presso lo Spazio Martucci 56 di Napoli, si terrà la presentazione del catalogo LA DOSE DEL DISINCANTO di Peppe Pappa, con proiezione del video della performance che si è svolta il 30 Novembre 2017 nello Spazio Martucci 56.
Intervengono: Vincenzo Cuomo, Anna Paola Di Maio, Mario Franco, Anna Mele, Stefano Taccone, coordina Ilia Tufano.
Il catalogo a cura di Simona Pasquali raccoglie testi di Vincenzo Cuomo, Anna Paola Di Maio, Mario Franco, Anna Mele, Stefano Taccone ed inoltre un testo poetico di Alfonsina Caterino, interviste di Rosaria Pannico, con le foto di Gianluigi Gargiulo.
“LA DOSE DEL DISINCANTO di Peppe Pappa ci proietta in un viaggio ideologico- sociale a “carte scoperte”. Le carte da gioco dei BARI di Caravaggio diventano “carte scoperte” di un messaggio di riflessione sulle tematiche della società attuale”, scrive SIMONA PASQUALI. Il celebre dipinto del Caravaggio, che mostra in azione l’inganno del baro è da Pappa collocato al centro di una mostra- performance alla quale anche il pubblico è invitato a partecipare.”La chiave di lettura della DOSE DEL DISINCANTO ha origini lontane, nel percorso artistico, nelle azioni, nelle performance di Pappa e ci spinge ad abbandonare la passività e la rassegnazione, tipica della società attuale, la quale è spesso DISINCANTATA, distaccata, indifferente verso ciò che accade”, precisa Simona Pasquali.
L’installazione-performance…mette in scena una conversazione tra due giovani donne (due giovani “curatrici”, Annapaola Di Maio e Anna Mele), che giocano a carte sotto gli occhi incuriositi del pubblico, dislocato in galleria e fuori di essa, poiché la partita a carte con conversazione è visibile, come in una vetrina, anche dalla strada e la galleria d’arte, per dirla con McLuhan, da “medium” si trasforma in “messaggio”. (VINCENZO CUOMO)
“A Pappa interessa non tanto il gioco come surrogato del destino, della fortuna, della sorte, ma il suo uso nella comunicazione interpersonale . Se il pittore è paragonabile a un mago - argomentava Benjamin - l’artista moderno opera come un chirurgo: entra nella realtà, ne isola alcuni particolari, rende possibili nuove forme di gestione della realtà stessa“. (MARIO FRANCO)
“Ma chi sono i protagonisti del dipinto? Senz’altro due inconciliabili, l’incantato e il disincantato, incarnano pienamente il dualismo che altro non è che la condizione ontologica dell’uomo contemporaneo.“ (ANNA MELE)
“Peppe Pappa ha accolto la sfida pittorica di Caravaggio e la attualizza, invitando a sua volta le persone a prendere parte al gioco, di non essere semplici spettatori, ma di diventare complici o avversari dell’impostore di turno.” (ANNAPAOLA DI MAIO)
“Parlando della loro vita, quella di due ragazze della provincia napoletana, con il sogno dell’arte,…esse non fanno altro che raddoppiare il gesto rappresentato dall’artista lombardo oltre quattro secoli fa.I loro gesti…equivalgono infatti allo svelamento di un retroscena, in questo caso quello delle condizioni di precariato in cui versano gran parte dei giovani…che lavorano nel mondo dell’arte e più in generale nel settore della cultura.” (STEFANO TACCONE)
“Dunque sono le carte in mano all’uomo che,egli deve plasmare, in materia duttile che illumini, attraverso il confronto, l’inconoscibile esistente e, solo, in attesa, di insorgere rinnovandolo uomo che mai smarrisca, il privilegio di riconoscersi nell’altro”. (ALFONSINA CATERINO)

Info:
Associazione Culturale INTENTART Napoli (www.intentartnapoli.it)
info@intentartnapoli.it / (+39) 3204887582
Facebook: Intentart Napoli
Spazio Martucci 56: tel. 0810320281
Facebook: Spazio Martucci 56
Eventi che potrebbero interessarti
Nyctografie. Scritture tra il visibile e l’invisibile - Stefano Cumia | Nunzio | Turi Rapisarda
23/09/2017 - 18/11/2017
Palermo (PA) - Sicilia
Inserito da Tiziana Pantaleo
RizzutoGallery (via Maletto 5, Palermo) è lieta di presentare “Nyctografie. Scritture tra il visibile e l’invisibile”, una mostra a tre voci che vede a fianco Stefano Cumia, Nunzio e Turi Rapisarda, a cura di Helga Marsala, che sarà inaugurata sabato 23 settembre 2017 alle ore 18, e resterà visitabile fino al 18 novembre, dal martedì al sabato, dalle 16.00 alle 20.00.
Stefano Cumia, artista palermitano con base a Milano, classe 1980, tra i più raffinati e interessanti esponenti della nuova astrazione pittorica italiana; un maestro come Nunzio (1954, Cagnano Amiterno, Abruzzo), tra le voci italiane più autorevoli nel campo delle scultura, riconosciuto fin dagli Anni Ottanta a livello internazionale; Turi Rapisarda, catanese di nascita, torinese d’adozione, talentuoso sperimentatore della fotografia, con una lunga carriera da outsider, fra traguardi professionali e spazi d’indipendenza. Le opere dei primi due, inedite, sono realizzate ad hoc per il progetto; quelle di Rapisarda appartengono a un ciclo del 2011 raramente esposto.
La mostra, che accosta tre linguaggi diversi (pittura, scultura, fotografia), sul filo di una stessa atmosfera umbratile e di una serie di riflessioni comuni sui meccanismi della visione, è parte di una ricerca curatoriale in corso, intorno alla relazione tra visibilità e invisibilità nel processo di formazione, nei percorsi di lettura e nello statuto concettuale dell’immagine.
Col termine “nyctography” (letteralmente “scrittura notturna”) Lewis Carroll, autore del leggendario “Alice nel paese delle meraviglie”, aveva battezzato una sua invenzione utile a fronteggiare quell’esigenza – così diffusa fra gli scrittori - di prendere appunti nel cuore della notte, sul filo di un’improvvisa ispirazione. Si tratta di un sistema di scrittura collegato a un “nyctografo”, piccola griglia ricavata da un tassello rettangolare di legno, i cui intagli servono da guida nel buio: una sorta di alfabeto astratto fatto di punti e linee, messo a punto da Carroll circa 60 anni dopo l’invenzione del linguaggio Braille. Scrittura in codice, dunque, da appuntare a occhi chiusi e trascrivere sul foglio il giorno dopo.
Da qui si dipanano una serie di suggestioni, per un viaggio simbolico e mentale lungo quello spazio notturno che è metafora di una visione altra, inattesa, radicale, cangiante: spazio di segni, forme, tracciati, soglie, buchi, velature, cecità e illuminazioni, scritture visive o testuali.
Nella serie di ritratti di Rapisarda dal titolo Unt Hitler (2011) i soggetti sono immersi in un’oscurità teatrale, quasi beckettiana, intenti a schermarsi da una luce invadente, che è denudamento, sistema di controllo e macchina spettacolare, per un’impropria “uscita dal margine, dall’intimo, dall’autentico, dal differente”. Passaggio netto dalla figura umana ai dipinti quasi monocromi di Cumia, fatti di tracce, gradienti, velature: l’immagine qui impone all’occhio - nell’assoluto contrasto tra la luce e il buio – “la necessaria disciplina per imparare a scorgere il nero nel nero, il bianco nel bianco, ma anche il segno e il colore celati nell’uno o nell’altro”. Infine le opere di Nunzio, astrazioni imponenti che aprono spazi di visibilità nel nero profondo e linee d’invisibilità nella tramatura dei materiali, tra l’articolazione di forme dispiegate in orizzontale e la testimonianza di ciò che la forma stessa era, col suo trasmutare: “L’oggetto plastico porta con sé la memoria indefinita dei materiali, dei luoghi d’origine, del primo sguardo e del prossimo, del non finito e dell’irrisolto”.

Nyctografie.
Scritture tra il visibile e l’invisibile
Stefano Cumia | Nunzio | Turi Rapisarda
a cura di Helga Marsala
Inaugurazione: sabato 23 settembre 2017 - ore 18
Dal 26 settembre al 18 novembre 2017
dal martedì al sabato | 16.00-20.00
RIZZUTOGALLERY
Palermo, via Maletto, 5
091. 7795443 - 347.1769901
www.rizzutogallery.com
www.facebook.com/rizzutogallery/
Stefano Fogato. Tunnina frisca, I tonnaroti di Favignana
09/05/2015 - 30/05/2015
Palermo (PA) - Sicilia
Inserito da CSArt Serri
La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 9 al 30 maggio 2015, “Tunnina frisca, i tonnaroti di Favignana”, esposizione personale del fotografo milanese Stefano Fogato, il cui nome è legato al Théâtre du Soleil. Allestita in occasione di “Fotografia Europea”, la mostra sarà inaugurata sabato 9 maggio alle ore 17.00.
Il progetto espositivo, a cura di Chiara Serri, prevede una quindicina di immagini tratte dal volume “I tonnaroti di Favignana” (Nuova Ipsa Editore, Palermo, 2013). Fotografie scattate alla metà degli anni ’80, quando l’autore viveva in Sicilia, per documentare la storia della tonnara di Favignana.
«Un racconto fotografico in bianco e nero – scrive la curatrice – che, alternando campi lunghi e primi piani, recupera gli aspetti cruenti, magici e rituali della mattanza, tenendo viva la memoria di un mondo, quello dei tonnaroti, ai margini del mito, cancellato dall’economia e dall’agire umano».
La narrazione corrisponde ad un climax ascendente, dalla ricognizione dei luoghi alla predisposizione delle reti, sino all’uscita in mare, in cui i singoli pescatori diventano parte di un coro in grado di muoversi all’unisono e di sostenere il ritmo concitato e lo sforzo epico della mattanza.
La mostra sarà visitabile fino al 30 maggio 2015, di martedì, mercoledì, venerdì e sabato con orario 17.00-19.30, oppure su appuntamento; sabato 16 e domenica 17 maggio ore 10.30-12.30 e 17-19.30. Ingresso libero. Per informazioni: tel. 340 3545183, ginodifrenna875arte@yahoo.it, www.csart.it/875.
Stefano Fogato (Milano, 1958) nasce fotograficamente in Sicilia, dove realizza gli scatti raccolti nel volume “I tonnaroti di Favignana”, pubblicato nel 2013. Nel 1991 si stabilisce a Parigi entrando a far parte del Théâtre du Soleil d’Ariane Mnouchkine, dalla quale nel 1994 ottiene l’esclusiva, come Henry Cartier-Bresson e Martine Frank. Ha all’attivo mostre in Italia e all’estero. Vive e lavora tra Milano e Parigi.