Evento: Massimo Lagrotteria "Archetipo"
29/11/2019 - 27/12/2019
0 0
Effettua l'accesso per inserire un commento
0/0 Commenti
Inserzionista
Altro , correggio
Dettagli
Data di inserimento: 26/11/2019 - 23:21
Luogo: Cento (FE) - Emilia-Romagna
Data di inizio: 29/11/2019
Data di fine 27/12/2019
Descrizione



MASSIMO LAGROTTERIA

ARCHETIPO

29 NOVEMBRE – 27 DICEMBRE



Venerdì 29 novembre dalle ore 19.00 si inaugura una mostra personale di Massimo Lagrotteria "Archetipo" presso Nologo officina arredo di Sandro Alberghini, un nuovo spazio espositivo che intende valorizzare l'arte contemporanea di qualità all'interno del suggestivo spazio di una chiesa sconsacrata nel cuore di Cento (Fe). La mostra è curata da Sandro Alberghini, Alessandro Bregoli e Graziano Cortesi. L'esposizione presenta una serie di dipinti e sculture realizzati dall'artista nel corso degli ultimi anni incentrati sulla figura umana, osservata nelle sue differenti modalità archetipiche, sia dal punto di vista estetico che stilistico, anche in relazione ad un recente passato.

"Massimo Lagrotteria riprende con la pittura ad olio la tradizione artistica ma l'impronta che ne esce è totalmente al passo coi tempi, pregna di quel senso di caducità e finitezza che fa parte della nostra contingenza. Le opere in mostra, una selezione degli ultimi tre anni di lavoro, sono tutte interamente incentrate sulla figura umana, vista da diverse prospettive e con un occhio decisivo alla trasposizione fotografica." (Francesca Baboni)

"In congiunture in cui il dolore e la morte stanno scomparendo apparentemente ma ricompaiono continuamente, manca completamente uno stacco da un’interconnessione che ha il sapore della deriva letale del genere umano. Massimo Lagrotteria ci accompagna in un viaggio in cui la sacralità della bellezza è un frutto complicato. Essa infatti fa bisogno di tempo, di riflessione, tutte modalità che sono ampiamente in disuso nell’attuale solitudine planetaria." (Stefano Taddei)

Catalogo in mostra con testi di Francesca Baboni e Stefano Taddei.





Massimo Lagrotteria

Archetipo

No logo officina arredo

via Gennari 20,

44042 Cento (Fe)

tel. 3491642481

officinarredo.bo@gmail.com
Altri eventi dell'inserzionista
hackatao "The truth is"
30/11/2019 - 02/02/2020
San Benedetto Po (MN) - Lombardia
Inserito da francesca baboni

HACKATAO

"THE TRUTH IS.

THE INEXPLICABLE WILL BE REVEALED"



a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei

30 NOVEMBRE – 2 FEBBRAIO 2020



Sabato 30 novembre alle 17.30 presso la galleria Zanini Arte contemporary di San Benedetto Po (Mn) si inaugura una mostra personale degli Hackatao "The truth is" a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei, incentrata interamente sul concetto di verità e post-verità. Dal punto di vista concettuale il significato di vero è molto relativistico, la verità cambia, si trasforma, è fatta di sfumature, non viene necessariamente affrontata come realtà assoluta. Insieme a tale dipartita però il contemporaneo del digitale ci sta offrendo sempre nuove possibilità creative che hanno rivoluzionato la fruizione del prodotto artistico. Dagli inizi del 2018 gli Hackatao si muovono in questa congiuntura e sono pionieri in Italia delle nuove frontiere della cryptoart, movimento che rappresenta un cambio di paradigma rispetto all'arte tradizionale e che utilizza la tecnologia blockchain per certificare l'arte digitale rendendola unica e collezionabile.

La maggior parte delle opere in mostra difatti, è fruibile anche attraverso la realtà aumentata, che rende le opere vive e animate. L'innovativa e disturbante ricerca degli Hackatao, che vede in esposizione oltre ai quadri anche le celebri sculture dei Podmork, si muove tra riferimenti filosofici, elementi matematici come ricerca di un'assolutezza non modificabile (numeri primi, incroci di DNA e algoritmi) alla dibattuta tematica delle fake news e della censura, cercando di dare un senso e una risposta ai tanti interrogativi ed alle numerose ambiguità della nostra società contemporanea. Sabato 25 gennaio alle 17.30 si terrà il finissage della mostra con presentazione del catalogo.



Hackatao – The truth is

a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei

Zanini arte contemporanea

via Virgilio 7, San Benedetto Po (MN)

orari : 10-12 15.00- 18.30

info: tel 0376615326

www.zaniniarte.com







Massimo Lagrotteria "Archetipo"
29/11/2019 - 27/12/2019
Cento (FE) - Emilia-Romagna
Inserito da francesca baboni



MASSIMO LAGROTTERIA

ARCHETIPO

29 NOVEMBRE – 27 DICEMBRE



Venerdì 29 novembre dalle ore 19.00 si inaugura una mostra personale di Massimo Lagrotteria "Archetipo" presso Nologo officina arredo di Sandro Alberghini, un nuovo spazio espositivo che intende valorizzare l'arte contemporanea di qualità all'interno del suggestivo spazio di una chiesa sconsacrata nel cuore di Cento (Fe). La mostra è curata da Sandro Alberghini, Alessandro Bregoli e Graziano Cortesi. L'esposizione presenta una serie di dipinti e sculture realizzati dall'artista nel corso degli ultimi anni incentrati sulla figura umana, osservata nelle sue differenti modalità archetipiche, sia dal punto di vista estetico che stilistico, anche in relazione ad un recente passato.

"Massimo Lagrotteria riprende con la pittura ad olio la tradizione artistica ma l'impronta che ne esce è totalmente al passo coi tempi, pregna di quel senso di caducità e finitezza che fa parte della nostra contingenza. Le opere in mostra, una selezione degli ultimi tre anni di lavoro, sono tutte interamente incentrate sulla figura umana, vista da diverse prospettive e con un occhio decisivo alla trasposizione fotografica." (Francesca Baboni)

"In congiunture in cui il dolore e la morte stanno scomparendo apparentemente ma ricompaiono continuamente, manca completamente uno stacco da un’interconnessione che ha il sapore della deriva letale del genere umano. Massimo Lagrotteria ci accompagna in un viaggio in cui la sacralità della bellezza è un frutto complicato. Essa infatti fa bisogno di tempo, di riflessione, tutte modalità che sono ampiamente in disuso nell’attuale solitudine planetaria." (Stefano Taddei)

Catalogo in mostra con testi di Francesca Baboni e Stefano Taddei.





Massimo Lagrotteria

Archetipo

No logo officina arredo

via Gennari 20,

44042 Cento (Fe)

tel. 3491642481

officinarredo.bo@gmail.com
Eventi che potrebbero interessarti
Le ore delle donne
06/07/2014 - 27/07/2014
Massa (MS) - Toscana
Le ore delle Donne
Filanda di Forno, Massa (MS)
Inaugurazione
Domenica 6° Luglio - ore 18.00
Durata della mostra
6-27 luglio 2014
Orario mostra
dal 11/l12/13 Luglio -ore 16,00 /20,00
Periodo sagra S. Anna : dal18 al 27 luglio - ore 17,00 / 21.00

Mostra” Le ore delle donne”
Opere di
Rita Dolfi, Maria Giulia Cherubini, Carla Giglioli, Gio Guerri, Maria Giuseppini Marjni, Graziana Masetti,
Nina Meloni, Monica Michelotti, Silvana Pianadei, Adriana Tempesti.
A cura di Giovanna Riu
Il progetto espositivo “Le ore delle donne” fa riferimento ed è stato elaborato tenendo conto di una pluralità di motivazioni. Quella iniziale riguarda l’aderenza ideale e la condivisione del tema scelto dal Parlamento Europeo , le altre riguardano la specificità dell’Associazione Insieme è.. di più le cui socie, diverse per età, formazione, linguaggio estetico, esperienza, hanno scelto di privilegiare, aldilà dell’individualità, il comune sentimento dell’amore per la cultura e la disponibilità al sociale.
Hanno scelto, inoltre di considerare il loro genere non per separatezza nei confronti del maschile, ma per l’evidente parità di condizione con le altre donne.
Il tema è stato scelto pensando alla molteplicità di ruoli che nel passato, ma anche nell’attualità, le donne vivono: figlie, madri, mogli, lavoratrici, assistenti dei membri della famiglia… Tali ruoli accentuano la specificità di collaborazione che il gruppo Insieme è.. di più ha sintetizzato nel titolo Le ore delle donne.
Giorgio Ferretti, Hesperus
17/03/2018 - 07/04/2018
Massa (MS) - Toscana
Inserito da CSArt Serri
ReArt Arte Contemporanea e Belle Arti di Reggio Emilia (Viale Umberto I, 42/B) presenta, dal 17 marzo al 7 aprile 2018, la mostra personale di Giorgio Ferretti, a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei.
L’esposizione, che sarà inaugurata sabato 17 marzo alle ore 18.00, s’intitola “Hesperus” in omaggio a Vespero, stella della sera, divinità legata al pianeta Venere.
In mostra, una ventina di dipinti a tecnica mista su tela, realizzati dal 2008 al 2018 e dedicati alla figura della donna, elemento fondante della ricerca del pittore reggiano.
Come spiegano i curatori, «Giorgio Ferretti rappresenta il femminile nelle sue diverse accezioni di bello, sia dal punto di vista estetico che archetipico e in contesti differenti. I ritratti al femminile sono donne guerriere, orientali oppure occidentali che lui riprende su base fotografica dalla rete e che modifica e rielabora con stratificazioni e velature di colore, dando un effetto quasi etereo e anticato, sottolineato talvolta anche con l’utilizzo di trame di stoffe che spesso invadono e si sovrappongono alla figure».
Giorgio Ferretti nasce a Reggio Emilia nel 1971. Per anni coltiva la passione per il disegno, con una forte attrazione per la pittura ad olio figurativa. I quadri del padre, pittore figurativo, lo affascinano e lo portano ad imitarlo fin dall’età di dodici anni. Negli anni successivi continua a dipingere costantemente ed in parallelo si laurea in Ingegneria nel 1996. Dal 1996 al 1999 svolge un corso avanzato di tecniche pittoriche. Tra le principali esposizioni, si segnalano le personali “Neonatalia” (Galleria D’arte 18, Bologna, 2007, a cura di Francesca Baboni) e Weiblich (Il Vizietto, Sassuolo, Modena, 2010), nonché le collettive presso Galerie de Causans (Parigi, 2008), Palafiori (Sanremo, Imperia), Galleria d’Arte La Telaccia By Malimpensa (Torino, 2012), Galleria Previtali (Milano, 2014), ReArt Arte Contemporanea e Belle Arti (Reggio Emilia, 2017). È risultato tra i finalisti del Premio Arte Mondadori nel 2002, 2005, 2011. Vive e lavora a Reggio Emilia.
La mostra sarà visitabile fino al 7 aprile 2018, da martedì a venerdì ore 9.30-12.30 e 16.30-19.00, sabato ore 9.30-12.30 oppure su appuntamento. Ingresso libero. Per informazioni: cell. 370 3462813, spazioreart@gmail.com, www.belleartisupplies.com, www.facebook.com/ReArtBelleArti.
ReArt Arte Contemporanea e Belle Arti nasce nel 2017 a Reggio Emilia. Accanto alla galleria, attrezzata per mostre personali e collettive, si trova la sezione belle arti, con prodotti e marchi selezionati. Tra le prime mostre si segnalano: Nicla Ferrari, “Frammenti”, 2017; Marco Arduini e Anna Barbara Olszewska, “La pelle che abito”, 2017; Jara Marzulli, Barbara Nicoletto, Tina Sgrò, “Fate ignoranti”, 2017. Sono state inoltre organizzate giornate di lavoro e full immersion con gli artisti.