Evento: hackatao "The truth is"
30/11/2019 - 02/02/2020
0 0
Effettua l'accesso per inserire un commento
0/0 Commenti
Inserzionista
Altro , correggio
Dettagli
Data di inserimento: 27/11/2019 - 23:59
Luogo: San Benedetto Po (MN) - Lombardia
Data di inizio: 30/11/2019
Data di fine 02/02/2020
Descrizione

HACKATAO

"THE TRUTH IS.

THE INEXPLICABLE WILL BE REVEALED"



a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei

30 NOVEMBRE – 2 FEBBRAIO 2020



Sabato 30 novembre alle 17.30 presso la galleria Zanini Arte contemporary di San Benedetto Po (Mn) si inaugura una mostra personale degli Hackatao "The truth is" a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei, incentrata interamente sul concetto di verità e post-verità. Dal punto di vista concettuale il significato di vero è molto relativistico, la verità cambia, si trasforma, è fatta di sfumature, non viene necessariamente affrontata come realtà assoluta. Insieme a tale dipartita però il contemporaneo del digitale ci sta offrendo sempre nuove possibilità creative che hanno rivoluzionato la fruizione del prodotto artistico. Dagli inizi del 2018 gli Hackatao si muovono in questa congiuntura e sono pionieri in Italia delle nuove frontiere della cryptoart, movimento che rappresenta un cambio di paradigma rispetto all'arte tradizionale e che utilizza la tecnologia blockchain per certificare l'arte digitale rendendola unica e collezionabile.

La maggior parte delle opere in mostra difatti, è fruibile anche attraverso la realtà aumentata, che rende le opere vive e animate. L'innovativa e disturbante ricerca degli Hackatao, che vede in esposizione oltre ai quadri anche le celebri sculture dei Podmork, si muove tra riferimenti filosofici, elementi matematici come ricerca di un'assolutezza non modificabile (numeri primi, incroci di DNA e algoritmi) alla dibattuta tematica delle fake news e della censura, cercando di dare un senso e una risposta ai tanti interrogativi ed alle numerose ambiguità della nostra società contemporanea. Sabato 25 gennaio alle 17.30 si terrà il finissage della mostra con presentazione del catalogo.



Hackatao – The truth is

a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei

Zanini arte contemporanea

via Virgilio 7, San Benedetto Po (MN)

orari : 10-12 15.00- 18.30

info: tel 0376615326

www.zaniniarte.com







Altri eventi dell'inserzionista
Massimo Lagrotteria "Archetipo"
29/11/2019 - 27/12/2019
Cento (FE) - Emilia-Romagna
Inserito da francesca baboni



MASSIMO LAGROTTERIA

ARCHETIPO

29 NOVEMBRE – 27 DICEMBRE



Venerdì 29 novembre dalle ore 19.00 si inaugura una mostra personale di Massimo Lagrotteria "Archetipo" presso Nologo officina arredo di Sandro Alberghini, un nuovo spazio espositivo che intende valorizzare l'arte contemporanea di qualità all'interno del suggestivo spazio di una chiesa sconsacrata nel cuore di Cento (Fe). La mostra è curata da Sandro Alberghini, Alessandro Bregoli e Graziano Cortesi. L'esposizione presenta una serie di dipinti e sculture realizzati dall'artista nel corso degli ultimi anni incentrati sulla figura umana, osservata nelle sue differenti modalità archetipiche, sia dal punto di vista estetico che stilistico, anche in relazione ad un recente passato.

"Massimo Lagrotteria riprende con la pittura ad olio la tradizione artistica ma l'impronta che ne esce è totalmente al passo coi tempi, pregna di quel senso di caducità e finitezza che fa parte della nostra contingenza. Le opere in mostra, una selezione degli ultimi tre anni di lavoro, sono tutte interamente incentrate sulla figura umana, vista da diverse prospettive e con un occhio decisivo alla trasposizione fotografica." (Francesca Baboni)

"In congiunture in cui il dolore e la morte stanno scomparendo apparentemente ma ricompaiono continuamente, manca completamente uno stacco da un’interconnessione che ha il sapore della deriva letale del genere umano. Massimo Lagrotteria ci accompagna in un viaggio in cui la sacralità della bellezza è un frutto complicato. Essa infatti fa bisogno di tempo, di riflessione, tutte modalità che sono ampiamente in disuso nell’attuale solitudine planetaria." (Stefano Taddei)

Catalogo in mostra con testi di Francesca Baboni e Stefano Taddei.





Massimo Lagrotteria

Archetipo

No logo officina arredo

via Gennari 20,

44042 Cento (Fe)

tel. 3491642481

officinarredo.bo@gmail.com
hackatao "The truth is"
30/11/2019 - 02/02/2020
San Benedetto Po (MN) - Lombardia
Inserito da francesca baboni

HACKATAO

"THE TRUTH IS.

THE INEXPLICABLE WILL BE REVEALED"



a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei

30 NOVEMBRE – 2 FEBBRAIO 2020



Sabato 30 novembre alle 17.30 presso la galleria Zanini Arte contemporary di San Benedetto Po (Mn) si inaugura una mostra personale degli Hackatao "The truth is" a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei, incentrata interamente sul concetto di verità e post-verità. Dal punto di vista concettuale il significato di vero è molto relativistico, la verità cambia, si trasforma, è fatta di sfumature, non viene necessariamente affrontata come realtà assoluta. Insieme a tale dipartita però il contemporaneo del digitale ci sta offrendo sempre nuove possibilità creative che hanno rivoluzionato la fruizione del prodotto artistico. Dagli inizi del 2018 gli Hackatao si muovono in questa congiuntura e sono pionieri in Italia delle nuove frontiere della cryptoart, movimento che rappresenta un cambio di paradigma rispetto all'arte tradizionale e che utilizza la tecnologia blockchain per certificare l'arte digitale rendendola unica e collezionabile.

La maggior parte delle opere in mostra difatti, è fruibile anche attraverso la realtà aumentata, che rende le opere vive e animate. L'innovativa e disturbante ricerca degli Hackatao, che vede in esposizione oltre ai quadri anche le celebri sculture dei Podmork, si muove tra riferimenti filosofici, elementi matematici come ricerca di un'assolutezza non modificabile (numeri primi, incroci di DNA e algoritmi) alla dibattuta tematica delle fake news e della censura, cercando di dare un senso e una risposta ai tanti interrogativi ed alle numerose ambiguità della nostra società contemporanea. Sabato 25 gennaio alle 17.30 si terrà il finissage della mostra con presentazione del catalogo.



Hackatao – The truth is

a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei

Zanini arte contemporanea

via Virgilio 7, San Benedetto Po (MN)

orari : 10-12 15.00- 18.30

info: tel 0376615326

www.zaniniarte.com







Eventi che potrebbero interessarti
Gianni Bertini. Il Tempo
04/11/2017 - 09/12/2017
San Benedetto Po (MN) - Lombardia
Inserito da Raffaella Caruso
Inaugura sabato 4 novembre alle ore 19 presso la Galleria RoccaTre Gianni Bertini. Il Tempo a cura di Raffaella A. Caruso. La mostra che apre durante la notte delle arti contemporanee è un focus particolare sulla figura di Gianni Bertini e analizza attraverso opere che vanno dal 1949 al nuovo Millennio il tema del tempo come costante della sua produzione. Così se da un lato il tempo è la struttura ritmica portante di ogni composizione, dall’altra il testo in catalogo, dello stesso curatore, evidenzia come Bertini abbia percorso e anticipato ogni movimento artistico dalla fine degli anni 40 (Mac, Nucleare, Informale) uscendone prima che diventasse per lui esercizio di stile: “È irrequieto Bertini, o forse sente battere il tempo, è figlio del Futurismo e attraversa dunque correndo tutti i movimenti di punta dell’arte europea, abbandonandoli quando diventano scuola. Ama il gesto ampio, irruente, quello che crea ma sa distruggere, e l’iperuranio delle idee dove lettere e numeri se ne stanno da soli in pace, senza dovere rispondere all’impaginato squallido della logica”. Così pare di sentire il ritmo di bielle pistoni ingranaggi con cui asseconda la forza gestuale delle composizioni informali, e il fruscio delle pagine di quei giornali dalle cui immagini assembla rapido le opere con cui dà il via la pop art italiana.
Lo spettatore si trova così catapultato in una dimensione narrativa dove conta solo l’immagine, e un racconto istantaneo in cui prima e dopo si prendono beffe dello spettatore. Tra le opere in mostra un rarissimo Grido (Tricolore, 1949), una tela del MAC (Autografico, 1949) con cui Bertini partecipa alla Biennale di Venezia del 1950, la celeberrima Tempesta sull’Olimpo del 1955 sino alle opere della Mec art e a quelle di impegno civile del ciclo Per non dimenticare sulla Guerra del Golfo in cui Bertini sperimenta la pittura digitale che nel nuovo Millennio meglio gli permette di seguire il rapido correre delle idee.
“Per Talete il principio di tutto è l’acqua, per Eraclito il fuoco. Per me il principio di tutto
è il movimento. Non riesco a rimanere neutro né tranquillo. Senza l’azione, l’odio e tanto
affetto, mi sembra che vivere abbia poco senso”. Gianni Bertini

Gianni Bertini. Il Tempo
a cura di Raffaella A. Caruso

4 novembre – 9 dicembre 2017
inaugurazione sabato 4 novembre ore 19.00

Galleria d’arte RoccaTre
Torino – Via della Rocca 3/b
T +39 011836765
roccatre@gmail.com

catalogo in galleria
ingresso libero
martedì/sabato 10.30-12.30 / 15.30-19.30
Dieci anni di Galleria
18/09/2016 - 16/10/2016
San Benedetto Po (MN) - Lombardia
Inserito da CSArt Serri
Dal 18 settembre al 16 ottobre 2016 la Galleria Marcantoni Arte Contemporanea di Pedaso (FM) presenta “Dieci anni di Galleria (2006-2016)”. Una selezionata scelta di opere di artisti che si sono alternati con esposizioni personali e collettive nei dieci anni di attività.
La sede espositiva nasce nel settembre 2006 a Pedaso, un piccolo borgo marinaro sulla costa sud delle Marche, da un progetto consequenziale all’avveduto ed instancabile collezionismo del suo patron, Gabriele Marcantoni. Proprio dall’aver cercato con sagacia e sicuro istinto i nomi e i pezzi offerti dal mercato si è con il tempo formato quel patrimonio di esperienza e di cognizione che conferisce oggi alla Galleria Marcantoni la patina gratificante della garanzia. Queste scelte hanno comportato sforzi e vera passione, oltre a un lungo lavoro di sensibilizzazione e una partecipazione a valorizzare tutte le esperienze utili ad aprire nuove occasioni di dialogo, di reciproco arricchimento culturale. Scevra da ogni condizionamento di mercato e di moda la collezione della Galleria si presenta come una delle poche associazioni nazionali che ha saputo costruire una propria raccolta attraverso una selezione di opere mirata e attenta alla storia dell’arte. L’orientamento scelto nelle varie esposizioni di questi primi dieci anni di attività è il frutto di tre grandi aree collezionistiche creatisi nel tempo: il verbo visuale, l’esperienza della pittura cosiddetta “sociale” e la grafica d’autore. Scelte di sicuro prestigio storico-culturale, ma di altrettanta difficoltà di affermazione nel sistema dell’arte. Sistema spesso scollegato dal binomio arte e storia e proiettato invece nella richiesta domanda e offerta proveniente dal mercato.
Gli artisti ospitati hanno sempre risposto con grande entusiasmo sia artistico che personale nel proporre le loro opere in galleria. L’alternanza di verbo-visualità e pittura sociale ha fatto sì che si instaurasse un dialogo tra due mondi apparentemente lontani, ma molto affini dal punto di vista delle idee e dei fini comunicativi. Si è così definito nel tempo l’orientamento e la scelta decisa e puntuale delle varie esposizioni proposte. Si sono avvicendati: Paolo Baratella, Umberto Mariani, Eriberto Guidi, Lamberto Pignotti, Lugi Tola, Anna Boschi, Fernando Andolcetti, David Pompili, Arnoldo Ciarrocchi, Alberto Manfredi, Claudio D’angelo, Giovanni Fontana, Fausto Luzi, Paolo Maccari, Paolo Albani, William e Gionata Xerra, Benedetta Montini. La grafica d’autore ricopre, inoltre, uno spazio molto importante nel curriculum della galleria. Passione primogenita, quella delle “carte”, impreziositasi negli anni di nomi di prestigio internazionale. Con il tempo si è potuto dar vita a collettive di firme di sicuro richiamo storico-artistico tra le quali: Vedova, Capogrossi, Mirò, Fontana, Bartolini, Sutherland, Marini, Carrà, Magnelli, Picasso, Castellani, Bonalumi, Leger, Santomaso, Richter e molti altri.
Gli appuntamenti artistici proposti dalla Galleria sono inoltre impreziositi da eventi culturali che gravitano attorno all’arte con la cadenzata proposizione di pomeriggi dedicati alla musica, alla poesia e al teatro. Un luogo quindi non solo dedito all’arte visiva, ma alla cultura a trecentosessanta gradi.
La mostra, che sarà inaugurata domenica 18 settembre dalle ore 18.00, sarà visitabile fino al 16 ottobre 2016, tutti i giorni con orario 17.00-20.00. Ingresso libero. Per informazioni: tel. 349 4306492, info@galleriamarcantoni.it, www.galleriamarcantoni.it, www.facebook.com/galleria marcantoni.