elisabetta maistrello
Gallerista, Padova (PD) - Veneto
La ricerca non ha prodotto alcun risultato.



LA NATURA CHE CANTA CON L'ANIMA
13/05/2018 - 25/05/2018
Battaglia Terme Pd


COMUNICATO STAMPA:
"Emergere In Arte” al Catajo
MOSTRA LA NATURA CHE CANTA CON L’ANIMA
di Bianca Beghin ed Elisabetta Maistrello
dal 13 Maggio al 25 Maggio
presentazione critica Beunida Melissa Shani
con il patrocinio del comune di Battaglia Terme
“Emergere In Arte” nasce da un’ idea di Elisabetta Maistrello, artista e curatrice d’arte, cultrice del mondo dell’oreficeria e del disegno, oggi una mente creativa che dipinge, scolpisce ma non solo organizza incontri a sfondo squisitamente culturale. Lo scopo di “Emergere in Arte” è di mettere in luce pochi e selezionati artisti che si distinguono per le loro qualità tecniche ed inclinazioni creative. La scelta delle personalità da far emergere avviene dopo un attento studio della storia personale ed una pedissequa analisi dei vissuti artistici, interloquendo con vari tecnici del settore: critici d’arte, curatori e storici dell’arte.
Con il presente comunicato stampa siamo lieti di informarVi a riguardo di un progetto che prevede tre mostre d’arte contemporanea che avranno luogo nella storica e fascinosa cornice del Catajo. Dato il recente dibattito nato a causa della futura possibile costruzione di un centro commerciale nella zona di Due Carrare, giusto a pochi passi dal castello, abbiamo pensato fosse importante sottolineare la rilevanza che questo luogo d’arte riveste per la comunità tramite un ciclo di vernici.
Dal 29 Aprile al 11 Maggio 2018 HENJAM di Alberto Festi e Matteo Tonelli
dal 13 Maggio al 25 Maggio 2018 LA NATURA CHE CANTA CON L’ANIMA di Bianca
Beghin ed Elisabetta Maistrello
e dal 27 Maggio al 10 Giugno 2018 PHYSIS E PSICHE di Elisabetta Maistrello
Dopo averVi presentato il progetto “Emergere In Arte” al Catajo, e comunicandoVi il successo della prima mostra HENJAM, con oltre 1300 visitaori, Vi illustriamo la seconda mostra che sarà dedicata alla LA NATURA CHE CANTA CON L’ANIMA di Bianca Beghin ed Elisabetta Maistrello.
L’attraente e del tutto peculiare attenzione di Bianca Beghin per la dimensione del naturale, il vibrato del bosco e il dinamismo dei tronchi si ripercuotono con armonia nell’altra realtà della mostra, cioè nei volti di Elisabetta Maistrello.
Si tratta di una piacevole unione atavica, antica ed elegantemente ancestrale, dove vengono rievocate le forme del pensiero della filosofia greca naturalista, incentrata sulla ricerca del vero attraverso lo studio della natura, della physis appunto. Lì dove la Beghin propone forme liquide, pennellate veloci e colori che si riassumono in chiari immaginari silvani, la Maistrello risponde con volti di donne declinati in umori variopinti e con sguardi netti e decisi nonostante spesso avvolti da una dimensione tragica del volto che lascia intuire una certa sospirata malinconia. Nelle sale del castello due mondi connessi e diversi sembrano voler interloquire tra loro con reciprocità. Le istantanee silvane e boschive catturate con grazia e raffiguranti il lato più genuino e fisico dell’intimità dell’artista ottengono risposta dai visi di donna della Maistrello che rievocano in sé il
concetto di psyche, cioè anima. Sembra proprio un sodalizio elegante , un’ armonica sinfonia che contempla il lato animico della creazione, analizzando “la genesi del tutto” tramite lo studio della natura e del volto. L’esperienza viene resa più intensa, viva ed indimenticabile dalla scelta di prevedere delle installazioni all’interno della mostra abbinate ai dipinti: rami secchi, alberi, tronchi. Questo proprio per creare un dialogo concreto tra realtà ed opera, tra visto e vissuto, percepito e percepibile. L’ atmosfera ricreata, anche a livello sonoro, sarà la stessa di un’ ambientazione boschiva, verrete proiettati dentro una foresta, d’ autunno, d’estate, d’ inverno o primaverile. I volti di Elisabetta Maistrello si accompagneranno, invece, a note inaspettate, a tratti morbide a tratti intense e travolgenti, un caleidoscopio di suoni che ha l’elegante pretesa di rappresentare tutte le anime semplici che ogni singolo volto può custodire, tra un’ espressione a volte solo accennata ed un sorriso intuito.
Ci sarà, inoltre, la speciale presenza di un bartender Davide Mastromauro, specializzato nell'arte del bere miscelato e nella realizzazione di signature cocktail che ne creerà uno ad hoc da abbinare ad un’opera . Da più anni ricerca materie prime di stagione cercando di valorizzarne le proprietà, con attenzione particolare per le origini dei distillati. Una personalità poliedrica e giovane già qualificatasi per "Campari competition 2016", "Youdandy competition-Gagliardo edition 2017" e "Sirene competition 2018". Ha persino partecipato ad "Advocacy Bombay Milano 2017" ed è stato recensito su "Guida Ristoranti d'Italia 2018 del Gambero Rosso" presso TAM, il ristorante specializzato in cucina Nikkei a Vicenza.
VERNISSAGE INAUGURALE MOSTRA
LA NATURA CHE CANTA CON L’ANIMA
Domenica 13 Maggio 2018
Nadia Cargnelli NC Non Classificabile
15/03/2017 - 25/04/2017
Scuderie di Palazzo Moroni, Padova

Nadia Cargnelli NC Non Classificabile
Scuderie di Palazzo Moroni - Padova
16 marzo / 25 aprile 2017

Mercoledì 15 marzo alle ore 18 presso le Scuderie di Palazzo Moroni, Padova, sarà inaugurata la mostra personale Nadia Cargnelli “NC non classificabile” promossa dall'Amministrazione comunale e organizzata dal Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche del Comune di Padova.

In mostra sono esposte una sessantina di opere realizzate dall’artista dal 1989 al 2017, in un percorso visivo-comunicativo di ricerca e sperimentazione e il titolo: Non Classificabile vuole affermare il suo svincolarsi da condizionamenti di mercato, da correnti e mode artistiche.
Nadia Cargnelli ha iniziato dipingendo con tecniche tradizionali per poi giungere a una pittura tridimensionale ottenuta modellando la tela del quadro, dove il volume e il colore si fondono in opere che trovano nella conquista dello spazio un particolare valore, non solo simbolico, ma anche di concretezza, corporeità, tangibilità.
Nel corso degli anni le sue opere si trasformano e passano dalla tridimensionalità alla scultura a tutto tondo, vere e proprie opere-oggetto. Nella sua ultima produzione si trovano infatti i Cuscini, sculture che rappresentano oggetti quotidiani, che invece di essere morbidi sono rigidi e diventano metafore, rappresentazioni della società attuale, in cui l’esteriorità non è coerente corrispondenza dell’interiorità, sia del singolo che della collettività.

Nadia Cargnelli, nata a Trieste, ha vissuto a Mestre fino al suo trasferimento a Padova nel 1988.
Diplomata “Maestra d’Arte” a Venezia nel corso “Architettura e Costruzioni” per oltre trent’anni ha insegnato “Educazione Artistica”. Ha dipinto su stoffa, vetri e specchi, creato abiti e originali bijou, realizzato complementi d’arredo e lampade ed ha espresso la sua creatività occupandosi anche di progettazione e arredamento d’interni oltre che scrivere poesie e brevi racconti. Espone in collettive e personali dal 1998.



Nadia Cargnelli NC Non Classificabile - Scuderie di Palazzo Moroni – Padova - 16 marzo/25 aprile 2017, inaugurazione: 15 marzo ore 18 orario d'apertura 9.30-12.30/14-18. Ingresso libero.
Per informazioni: Servizio Mostre ghiraldinir@comune.padova.it
Ulteriori informazioni, aggiornamenti e immagini: padovacultura.it