News:
Rivista ExpoArt : Gentile Artista SAREMO IN DISTRIBUZIONE CON UN NUMERO SPECIALE Continua la nostra Offerta speciale anche sul prossimo numero in uscita . Contattaci a expoartcc@gmail.com      ISCRIVITI su www.expoartcc.it : Mancano pochi giorni alla scadenza dell'offerta! Non fatevi sfuggire questa occasione! contattaci expoartcc@gmail.com      
Prossimi eventi
Mercoledì 1 Agosto, alle ore 18,30, presso l’Asilo Vecchio di San Vito di Cadore (BL), inaugurerà l’esposizione personale restrospettiva “Un viaggio nei colori e nella materia” della pittrice Nicoletta Belli. Nella stessa occasione e presso lo stesso spazio espositivo avrà luogo l’apertura della mostra “La montagna immaginata”, collettiva di sedici artisti nell’ambito del decennale dell’evento “L’Arte A Lunga Conversazione”, Rassegna annuale collaterale al “Dolomiti Blues & Soul festival”. Con il Patrocinio della Regione del Veneto e della Fondazione Dolomiti. La pittura di Nicoletta Belli prende origine da sensibilità e razionalità, da un senso immediato e istintivo per la forma-colore, che la porta ad elaborare nel tempo una propria cifra stilistica fatta di scomposizione metonimica fra contenente e contenuto: i contorni delle cose si svuotano di materia e allo stesso tempo quest’ultima arriva a divenire sostrato su cui l’oggetto poggia, sposandosi con essa e tracciando la sigla che si configura altresì come sincretismo visivo di quanto in origine percepito unitariamente. E’ una volontà di arrivare all’essenza, di raggiungere la natura più intima dei soggetti, senza per questo cedere ad un eccessivo trasporto empatico, trasfondendo la conoscenza entro un inquadramento geometrico regolare o irregolare in cui tutto possa acquisire nuove fattezze pur mantenendo le proprie. Dal generale al particolare e ritorno: nature morte, animali, paesaggi e ritratti si pongono quali paradigmi percettivi con cui confrontarsi e raffrontare la propria esperienza, in foggia di realismo che attraversa le suggestioni dell’arte di Cézanne, del Cubismo e del Futurismo, del primo Astrattismo geometrico fino alla ridefinizione iconizzante della Pop Art. Evitando ad ogni modo di svuotare di identità, ma anche di consuetudine il ritrattato, che appare conservare intatti i suoi connotati distintivi e i tratti salienti della fisionomia, sebbene non addentrandosi in minuzie descrittive, ma mantenendo quell’aura di precisionismo della linea e quella tassellatura caratterizzante che divide il piano di fondo in sfumature di luce, secondo accordi tonali e complementari di tinte opportunamente scelte dipendentemente dalle caratteristiche psicologiche ed emozionali della persona ripresa, o proprie alla situazione riprodotta. Questi accenti generano riflessione, si configurano come scissione di livelli costituenti la figura che scomponendosi e frammentandosi, disponendosi sulla bidimensionalità della tela inducono a cercare di entrare, col pensiero e l’immaginazione, più addentro al dipinto e a quanto offre allo sguardo, evidenziando una capacità di analisi che mira a restituire il rappresentato a sé stesso, dopo essersene rispettosamente appropriata, dopo averlo “compreso”, raccontato, circoscritto e apprezzato nei suoi aspetti comuni come in quelli salienti, producendo un’armonia pressoché musicale e peculiare ad ognuno. La retrospettiva “Un viaggio nei colori e nella materia” riassume in maniera esauriente e progressiva oltre un ventennio di attività dell’artista, la quale esplorando il trascorso e il circostante perviene al personale, raggiungendo una sintesi che è specchio del suo sentire e amorevole traduzione del vissuto nel linguaggio della pittura. In occasione del decennale della Rassegna annuale “Arte A Lunga Conversazione” sedici artisti esplorano in forma pittorica, ciascuno attraverso il proprio stile, modello rappresentativo, codice poetico ed espressivo, il tema della montagna. “Una montagna immaginata” è un titolo emblematico per esprimere quanto il paesaggio dolomitico ha ispirato e suggerito nei secoli - dalla fine del XVIII – inizio XIX secolo, allorché i suoi confini, rigogliosi o aspri e le sue cime fino allora considerate luoghi fantastici e invalicabili, regno di personaggi mitici e magiche creature dei boschi, cominciavano ad essere esplorati, fino ai giorni nostri - ad artisti operanti nell’ambito dei più diversi filoni e correnti di pensiero. La montagna diviene luogo dell’anima, oltre che scenario suggestivo in cui ambientare le proprie raffigurazioni, spazio fisico e spazio metaforico, la tangibilità che si congiunge all’immateriale, quella sottile linea di demarcazione fra la terra e il cielo il cui confine ad un certo punto si fonde e attraverso l’immanenza del segno, del gesto, del colore che si spande sulla tela, degli aggiungimenti materici, del dissolversi dei contorni nel fluire dei pensieri e delle emozioni, ci ricongiunge al trascendente. Quattro le opere presentate da ciascun partecipante, di piccolo formato, di genere figurativo o astratto, informale materico o segnico, fino alla grafica e al concettuale e ad una nuova modalità di figurazione che nella costruzione delle masse plastiche attraverso il colore mira a mettere in evidenza la potenza delle impressioni sensoriali e degli stati interiori. La mostra resterà visitabile fino al 26 Agosto Asilo Vecchio di San Vito di Cadore, Corso Italia 92/94"/>
Opera venduta su ExpoArt
Membro di ExpoArt