Evento: Maria Pellini, Cinque Opere sull'Amore
06/08/2017 - 27/08/2017
0 0
Effettua l'accesso per inserire un commento
0/0 Commenti
Inserzionista
Altro
Dettagli
Data di inserimento: 12/07/2017 - 15:17
Luogo: Casina (RE) - Emilia-Romagna
Data di inizio: 06/08/2017
Data di fine 27/08/2017
Descrizione
“Cinque Opere sull’Amore” di Maria Pellini in mostra, dal 6 al 27 agosto 2017, all’interno del Centro Convegni del Castello di Sarzano (ex chiesa di San Bartolomeo) a Casina (Reggio Emilia).
Realizzata con il patrocinio della Provincia di Reggio Emilia e del Comune di Casina, la mostra verrà inaugurata domenica 6 agosto, alle ore 18.00. L’esposizione sarà accompagnata da un ricco calendario di incontri, conferenze e performance teatrali ad ingresso gratuito sul tema dell’amore.
In mostra, cinque opere a tecnica mista su tela di grandi dimensioni, realizzate nel 2016 e nel 2017. Un progetto, condiviso con Gianluca Montanari, che intende rappresentare l’universalità dell’amore, oltre i limiti precostituiti.
«Non solo dipinti, ma anche parole e momenti di condivisione – spiega Maria Pellini – per dare vita ad uno spazio in cui il visitatore si senta cullato ed amorevolmente protetto, dove possa trovare, provare, sentire il luogo sacro di sé. Uno spazio di pace, ma anche un momento di ricerca ed estensione, di espansione per sentirsi Amore».
I cinque dipinti, tutti di matrice informale, saranno allestiti rispettivamente ai lati della navata unica, nelle due cappelle laterali e nella zona absidale, a ridosso dell’altare paleocristiano, contestualmente a testi poetici scritti dall’artista per accompagnare le opere.
Come spiega la storica dell’arte Francesca Mora, «Maria Pellini incrocia con spavalderia i ferri con l’arte, lavorando nel colore e nella materia con una forza non comune, così maschile per la brutalità e il vigore in cui si manifesta, ma al tempo stesso femminile nella sensibilità che la muove. L’artista si mostra come nuda davanti ai nostri occhi, non ha bisogno di inutili decori o di ammorbidire quella verità che sente l’urgenza di rivelarci... È in grado, con grande umiltà ma anche con una solida preparazione, di indicarci le vie del sentire dell’animo umano che possiamo percorrere di fronte alle sue opere, permettendoci al tempo stesso di scegliere in quale desideriamo camminare».
La personale sarà visitabile fino al 27 agosto 2017, di venerdì, sabato, domenica e festivi con orario 16.00-22.00. Ingresso libero. Per informazioni: maria@mariapellini.com, www.mariapellini.com.
Nell’ambito della mostra si terranno sei eventi ad ingresso gratuito con inizio alle ore 18.30: lunedì 7 agosto, “Imparare ad amare noi stessi attraverso la terapia della risata”, conferenza esperienziale a cura di Caterina Pettinato (Laureata in Psicologia, specializzata in coaching, formazione e neuroscienze); mercoledì 9 agosto, “Cibo, amore e nutrimento”, conferenza a cura di Francesca Piccinini (consulente nutrizionale di alimentazione macromediterranea); venerdì 11 agosto, “Le radici dell’amore”, presentazione dell’omonimo libro a cura di Caterina Villani (autrice) e Stefano Nava (illustratore); venerdì 18 agosto, “Amore...”, conferenza a cura di Sergio Gaiffi (Psicologo clinico, Psicoterapeuta); sabato 19 agosto, “Esperienze di vita”, conferenza esperienziale a cura di Graziella Saccocci (Docente di Biodanza) e Alda Grassini (Master Reiki); sabato 26 agosto, “La realtà dell’amore”, performance teatrale di Roberta Bedogni (autrice ed interprete).
Maria Pellini nasce a Reggio Emilia nel 1963. Diplomata in arte del tessuto presso l’Istituto d’Arte Gaetano Chierici di Reggio Emilia, inizia ad operare come decoratrice nel settore delle giostre tradizionali per luna park, esportate principalmente nei paesi arabi e in Europa. Nel 1999 esordisce nel mondo dell’arte con una ricerca personale che tuttora porta avanti con mostre personali a livello nazionale. Ha collaborato con le scuole medie inferiori Italo Calvino e San Giovanni Bosco di Reggio Emilia nell’ambito di “Mus-e” (Musique Europe), progetto ideato dal violinista Yihudi Menuin per favorire l’integrazione sociale con l’aiuto dell’arte, e con l’Associazione Nondasola per l’aiuto del singolo bambino o del gruppo. Promuove nel proprio atelier, e non solo, corsi e laboratori per bambini ed adulti improntati al benessere e alla ricerca interiore, creativa, grafica e pittorica. Opera e collabora con la cooperativa Zora per laboratori pittorici nella disabilità. Attiva all’interno dell’associazione Andos per laboratori (LIC Donna- luoghi di prevenzione) e consulente artistica per mostre all’interno della sede, nonché vicepresidente dell’Associazione Insieme si Può, opera sinergicamente con la biodanza unita al colore, all’espressione artistica e alla musicalità del cuore. È inserita nel volume “Donne & donne sulle tracce di Matilde di Canossa”, promosso dalla Regione Emilia Romagna. Nel 2016 la rivista “Marie Claire Maison” ha pubblicato alcune sue opere, selezionate dall’Architetto Designer Bruno Tarsia di Milano. Il suo atelier si trova presso il “Borgo delle Querce” a Pieve Modolena, in provincia di Reggio Emilia.
Altri eventi dell'inserzionista
Utopia e progetto. Sguardi sulla scultura del Novecento
20/05/2017 - 23/09/2017
Prato (PO) - Toscana
Inserito da CSArt Serri
“Utopia e progetto. Sguardi sulla scultura del Novecento” dal 20 maggio al 23 settembre 2017 alla Galleria Open Art di Prato (Viale della Repubblica, 24). Curata da Mauro Stefanini e accompagnata da una monografia Carlo Cambi Editore con un testo di Beatrice Buscaroli, la mostra sarà inaugurata sabato 20 maggio, alle ore 17.30.
In esposizione, tra le altre, opere di Mirko e Dino Basaldella, Agenore Fabbri, Nino Franchina, Quinto Ghermandi, Emilio Greco, Bruno Innocenti, Ji?í Kolá?, Luigi Mainolfi, Giuseppe Maraniello, Marino Marini, Fausto Melotti, Guido Pinzani, Francesco Somaini, Giuseppe Spagnulo, Mauro Staccioli.
«Il secolo scorso – spiega Beatrice Buscaroli –, in scultura, nacque già nettamente diviso da una forte tendenza all’astrazione che veniva dall’Europa e attraversava il Futurismo con la mitica parabola di Boccioni e la solitudine appartata di Modigliani, e il tradizionale, seppur declinato in decine di maniere diverse, legame che questa tecnica manteneva con le sue origini, con l’antico e la bellezza, con la figura. Naturalmente oggi non è più il tempo di queste distinzioni, che hanno però una loro valenza didattica e storica. Dopo la seconda guerra mondiale, dopo la desolazione dell’Arturo Martini del doloroso pamphlet su “La scultura lingua morta”, infatti, si dovette in qualche modo ricominciare da capo: ed ecco da una parte il ritorno alla figura al ritratto, al paesaggio, come l’apparizione di una tensione verso l’impalpabile richiamo della forma, del materiale, del gesto e dello spazio. Rivedere le sculture dei tanti protagonisti di questa mostra, di tutte le scuole e di tutte le tendenze, italiane ed europee, significa davvero gettare uno sguardo sulla complessa evoluzione di un linguaggio che nel nostro paese dovette soffrire il peso di un ottocento svaporato nella pur necessaria richiesta dei monumenti bellici che, tanto dopo la prima, quanto dopo la seconda, misero a prova la vera capacità della scultura italiana. Così, questa mostra segna una sorta di rinascita della scultura italiana, ormai non necessariamente legata alla narrazione o alla raffigurazione, ma semplicemente originata dallo studio e dalla conoscenza della tecnica. Figurativi e astrattisti, quindi, si confrontano accostandosi in situazioni spiritualmente affini, natura e gesto, dall’altra parte, riaprono orizzonti nuovi sui quali ancora la scultura d’oggi si confronta. Diverse le scuole, diversi i linguaggi, diversi i fini, ma una sola la qualità che distingue le opere in mostra. Una qualità che sembra davvero il filo conduttore di un percorso che accosta storie e strade diverse ma che davvero riesce a raccontare la vicenda non sempre facile di una tecnica non sempre semplice».
La presenza di quasi una decina di opere di Quinto Ghermandi, artista che a un anno dalla celebrazione del centenario della nascita sembra risalire la meritata fama, s’intende come una sorta di omaggio che la Galleria Open Art vuole dedicargli. È Ghermandi una sorta di simbolo della storia della scultura del Novecento, sospeso tra biografia e storia, studio e personali intuizioni, eredità difficili.
E così anche Francesco Somaini, a cui la galleria dedica una ristretta ma preziosa personale, un percorso che ne traccia i principali passaggi, è protagonista di una “mostra nella mostra” che propone alcune opere di estrema qualità, restituendo all’artista un volto a volte dimenticato ma sorprendente.
La collettiva è visitabile fino al 23 settembre 2017, da lunedì a venerdì con orario 15.00-19.30, sabato ore 10.30-12.30 e 15.00-19.30, chiuso domenica e festivi. Nel mese di agosto la Galleria Open Art osserverà la chiusura estiva. Ingresso libero. Monografia Carlo Cambi Ed. ITA/ENG con testo critico di Beatrice Buscaroli. Per informazioni: tel. + 39 0574 538003, galleria@openart.it, www.openart.it.
Paolo Manganelli, Arcipelaghi
12/11/2016 - 07/12/2016
Reggio Emilia
Inserito da CSArt Serri
La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 12 novembre al 7 dicembre 2016, la mostra personale dell’artista parmense Paolo Manganelli, accompagnata da un testo critico di Sandro Parmiggiani. Realizzata con il sostegno di Errevi System e Reggiana Gourmet, l’esposizione sarà inaugurata sabato 12 novembre alle ore 17.00, con una degustazione di vini offerta da Delta del Vino.
Il titolo della mostra, Arcipelaghi, fa riferimento alla ricerca del’artista, che egli stesso definisce come un organigramma pittorico che si apre ad infinite connessioni. Forme dinamiche che non possono essere ibernate, ma colte solo per frammenti, quando lo sguardo sa vedere ciò che fugacemente si mostra e presto più non potrà essere afferrato.
In esposizione, una decina di opere a tecnica mista su tela o su cartone intelaiato, oltre ad alcuni polittici, tutti realizzati dal 2014 al 2016. Dipinti in cui si alternano campiture uniformi e sfumature, ma anche effetti materici, ottenuti a partire dai fondi trattati a stucco o da carte incollate e successivamente rimosse.
«Paolo Manganelli – scrive Sandro Parmiggiani – ha disseminato, nelle opere in mostra, indizi su quelli che sono le esperienze artistiche cui ha volto lo sguardo, per nutrirsi di suggestioni affini al suo immaginario e alla sua sensibilità, rivisitando alcune stagioni della pittura italiana e internazionale del Novecento. Da un lato, ecco le forze dinamiche che si oppongono e, più spesso, dentro vortici e tangenze, arrivano a trovare un’armonica sintesi di forme e di colori, proprie dell’opera di Giacomo Balla – quasi realizzando i propositi contenuti nel Manifesto della Ricostruzione Futurista dell’Universo (1915) di Balla e Depero: “Daremo scheletro e carne all’invisibile, all’impalpabile, all’imponderabile, all’impercettibile”. Dall’altro, ecco riemergere la memoria di alcune delle esperienze dei “padri fondatori” dell’arte del secolo scorso (tra gli altri, Kandinskij, Mondrian, Léger, Larionov, Gon?arova): stagioni felici che sarebbero state rielaborate, in nuove versioni creative, verso la metà del Novecento, da alcuni artisti del Gruppo degli Otto (quali Afro Basaldella, Renato Birolli, Giulio Turcato), e da Mauro Reggiani e Luigi Veronesi, protagonisti assoluti dell’astrazione italiana. Altre piste di lettura, come il titolo di Pitecantropo e l’insistito fulgore del colore rosso, ci indicano che Manganelli è affascinato dalle fantasie sull’ominide primitivo, vissuto in un’età antichissima, tra il Pliocene e il Pleistocene (dunque, tra 5,332 milioni e 11.700 anni fa), il quale già aveva assunto una postura eretta e conosceva e dominava il fuoco».
La personale sarà visitabile fino al 7 dicembre 2016, di martedì, mercoledì, venerdì e sabato con orario 17.30-19.30, oppure su appuntamento. Ingresso libero. Catalogo disponibile in galleria. Per informazioni: tel. 340 3545183, www.csart.it/875, ginodifrenna875arte@yahoo.it, www.facebook.com/galleria875.
Paolo Manganelli nasce a Parma nel 1964. Dopo il diploma d’Arte, sezione di Grafica, all’Istituto Paolo Toschi di Parma ed alcuni anni come grafico, dal 1997 inizia ad esporre le proprie opere prendendo parte a mostre collettive e personali. Tra le tante esposizioni, Dal Gesto al Segno. Per Verdi, sulla trasformazione della Gestualità (Galleria San Ludovico, Parma, 2001) e Translation Octet (12 Monaci, Fontevivo, Parma, 2013, nell’ambito di Mangia come Scrivi). Vive e Lavora a Noceto (PR).
Eventi che potrebbero interessarti
“Tra Sacro e Profano” VIII Urban Contest del Pentastrattismo
09/05/2018 - 16/05/2018
Reggio Emilia
Inserito da Filippo Chiappara
“Tra Sacro e Profano”
VIII Urban Contest del Pentastrattismo

Nuovo Urban Contest del Movimento Pentastrattista. Siamo ormai all'ottava edizione che si svolgerà nell'elegante sede del Museo Diocesano di Terni. Al piano superiore Dipinti ed affreschi di arte sacra che dimostrano come l'Umbria sia stata in passato crocevia della Cristianità. San Valentino, San Francesco,Santa Rita da Cascia sono solo alcuni dei personaggi che hanno fatto la storia della Chiesa. Al piano terra invece saranno esposti 70 Dipinti del Movimento Pentastrattista, opere che si alterneranno con 23 icone a tema religioso finemente realizzate da Rosanna Moretti di Terni. La mostra curata ed organizzata da Eureka Eventi di Massimo Picchiami potrà essere visitata tutti i giorni dal 9 al 16 Maggio 2018, domenica compresa. Orario di visita dalle 16 alle 20.
Sede evento Museo Diocesano e Capitolare, Via XI Febbraio, 4, 05100 Terni.
I partecipanti di questo nuovo evento sono: Sonia Babini, Anna Bagnato, Rita Burattini, Fernanda Andrea Cabello, Angela Cascini, Angela Catucci, Filippo Chiappara, Cloe Ferrari, Marco Fratarcangeli, Vincenzo Gobbi, Caterina Loiero, Silvana Martini, Caterina Manginelli, Sergio Marchegiani, Maura Menichetti, Francesca Nicoli, Lorenzo Mignani, Alvaro Peña, Lucia Sanavio, Aldo Torri, Carlo Turco, Elisa Urso, Ivana Urso, Giovanni Villarà, Giovanni Vescio, Miriam Vitiello, Enza Voglio.

Tratto dal testo critico del Prof. Nuccio Mula, docente universitario di Fenomenologia dell’immagine e delle Arti Conteporanee e componente dell’Associazione Internazionale dei Critici d’Arte, aderente all’ UNESCO “Ho letto con molta attenzione il Manifesto del Pentastrattismo e concordo su ogni suo punto, auspicando che la ricerca e la creatività nell’ambito delle sue precise dichiarazioni d’intenti volte alla promozione ed alla valorizzazione dei 5 contesti espressivi scelti e privilegiati per il rinnovo di ulteriori approfondimenti faccia scaturire, grazie anche al solido contributo già espresso dai numerosi e qualificati artisti che vi hanno aderito, ….”.
Il movimento è andato in televisione attraverso il Canale 125Arte Italia del digitale terrestre dalla FR Art Collection TV.
Visitate il sito del movimento per avere maggior dettagli: www.pentastrattismo.jimdo.com
Info line: 339 1943484
Stupor Mundi
25/02/2017 - 05/03/2017
Caserta (CE) - Campania
Inserito da Gina Affinito
STUPOR MUNDI
mostra d’arte contemporanea

Stupor mundi (stupor,-is mundus,-i = meraviglia del mondo) è una locuzione in lingua latina derivante dal lessico militare romano, associata a grandi campagne belliche che consacrava le doti di un generale resosi protagonista oltre i confini dell'impero romano.
E’ l’appellativo con il quale era conosciuto Federico II, uomo di ingegno eccezionale, universalmente considerato ‘superiore’ ad ogni altro personaggio medioevale; letterato, statista, condottiero, legislatore, ricordato soprattutto per la mentalità libera, eclettica ed anticipatrice, fautore di un’integrazione “miracolosa” tra culture diversissime quali quelle greca, latina, araba, ebraica, persino di una lingua unificante, la romanza. Sicuramente uno dei personaggi più influenti e iconici del Medioevo italiano.
Anche l’artista trova di volta in volta il proprio personalissimo e al tempo stesso universale “Stupor": quella luce, quella fiamma che illumina la porzione di realtà che egli si sente chiamato a indagare. Quello stato di grazia “superiore” che lo predispone alla creazione: “E’ dell’artista il fin la meraviglia”, scriveva 400 anni fa Giambattista Marino.
Stupor mundi, quindi, è l’artista che opera con forza miracolosa e trasformatrice, artisticamente e culturalmente; che reca in sé l’innovazione volta ad unificare linguaggi e distanze geografiche.

Questi i presupposti della mostra espositiva che avrà luogo presso il Museo Diocesano di Melfi, in cui gli artisti scelti per questo progetto hanno indagato sulla propria “meraviglia”.
In mostra 50 opere in 4 categorie: pittura scultura, fotografia, installazione.

L’inaugurazione
La mostra “Stupor Mundi” si inaugura il sabato 25 febbraio, h 18.00 alla presenza di:
S.E. Mons. Gianfranco Todisco, Vescovo di Melfi-Rapolla-Venosa
Mons. Ciro Guerra, Direttore Museo Diocesano
Raffaele Nigro, Assessore alla Cultura Comune di Melfi
Gina Affinito, curatore della mostra
Artisti, critici ed appassionati d’arte

Il percorso espositivo al piano nobile del Museo continuerà fino al 5 marzo e sarà visitabile nei seguenti orari: da lunedì a domenica, escluso il martedì, 10.30/12.30 - 16.30/18.30
Arricchisce la mostra una sezione, esposta al primo piano del Museo, denominata “La Giovane Arte” a cura del Liceo Artistico di Melfi “M. Festa Campanile” che presenta i suoi allievi:
“Un percorso che ha visto, ancora una volta, convergere l’arte della parola e l’arte visiva, è stato il concetto pascoliano del “Fanciullino” presente in ognuno di noi ma che, solo il poeta, grazie alla sensibilità e al suo “genio”, riesce ad ascoltare e, pertanto, è in grado di guardare con occhi di “meraviglia” tutto ciò che lo circonda, cogliendo nella semplicità, il sublime. La scelta degli studenti del Liceo Artistico “M. Festa Campanile” di Melfi di rappresentare graficamente e pittoricamente le cose “umili”, legate alla terra ma non per questo dimesse, è conseguenziale ad un momento della programmazione pluridisciplinare che ha visto impegnata soprattutto la classe V della sezione Arti Figurative. “
(Prof.ssa Marilina Catarinella)

Il catalogo contenente tutte le opere della rassegna è edito da ‘La cromografica'





In mostra:

ABBONDI CARLA, ALASCI LIBERATO, ASCIONE ROSARIO, BACIOCCHI MARINA, BELVISO ANTONELLA, BONGARZONI UGO, CANTIELLO BARBARA, CARLEO CONCETTA, CAUDULLO GIUSEPPE, CAVUOTI RINO S., CIOCIA ALBERTO, COLOMBO CARLOLUIGI D’AGOSTINO FABIO, DAMIANO ALESSANDRA, DAMIANO DANIELA - ASDHE DE ARCANGELIS SIMONA, EIDENAI, FESTINO GIUSEPPE, GALAJIAN SHAKAR, GALLO ERIKA, GALLO MILENA, GARUTI CESARE, GASPARETTO MORENO, GESUALDI ANTONIO, GITTARELLI IRENE, GIULIANO PINELLA, GRASSI LILIANA, INTELLIGENTE MARIO, LAROTONDA DONATO, LUSIGNANI GABRIELLA, MAGNOTTA ANTONIO, MENEGHIN SUSI MONICA, NACCARATO MARIO, NIZZERO CAMILLA, ORABONA CINZIA, PALLOTTA TERESA C., PICCIRILLO ELISABETTA PORTA NICOLA, RENZI & LUCIA, RIZZO MIRIAM, ROSSI ANDREA, SANNA ANTONELLO SANTARSIERO MARTINA, SERRA ALESSANDRO, SILVESTRE ANGELINA, SIMONETTI MARIANNA, SORVILLO EMILIO, STRAMACCHIA EDOARDO, VENTRONE DANIELA, ZAMPARELLI GUGLIELMO

fuori concorso

GENNARO BARCI
UMBERTO BENANTI
DOMENICO DE MASI
IVAN PILI
ORIANA VERTUCCI







team
Mons. Ciro Guerra, Direttore del Museo
Gina Affinito, curatore della mostra
Vincenzo Fundone, documentazione fotografica
Prof.ssa Marilina Catarinella, referente Liceo Artistico “M. Festa Campanile”
Annamaria Caputo, assistente museale