Evento: Un viaggio - Gianni Ruspaggiari
26/10/2017 - 26/11/2017
0 0
Effettua l'accesso per inserire un commento
0/0 Commenti
Inserzionista
Altro
Dettagli
Data di inserimento: 17/10/2017 - 12:47
Luogo: Reggio Emilia () -
Data di inizio: 26/10/2017
Data di fine 26/11/2017
Descrizione
“Un viaggio” attraverso la recente produzione dell’artista reggiano Gianni Ruspaggiari, dal 26 ottobre al 26 novembre 2017, presso la Casa di Cura Privata Polispecialistica Villa Verde di Reggio Emilia (Via Lelio Basso, 1).
La mostra, promossa dalla Casa di Cura e dal Circolo degli Artisti di Reggio Emilia, sarà inaugurata giovedì 26 ottobre alle ore 17.30 con una presentazione del curatore Giuseppe Berti. Saranno presenti al vernissage, oltre all’artista e al curatore, Fabrizio Franzini (Presidente di Villa Verde) ed Enrico Manicardi (Presidente del Circolo degli Artisti).
In esposizione negli spazi di accoglienza e nella Sala Esagono al terzo piano della struttura, una quindicina di opere di medie e grandi dimensioni, realizzate prevalentemente dal 2009 al 2014.
«Gianni Ruspaggiari – scrive Giuseppe Berti – è un esploratore di colori e di segni. Placate la foga del gesto e la “cupa” violenza cromatica di precedenti esperienze, l’artista ora si esprime attraverso più morbidi registri compositivi dove il colore, fluido, libero e cangiante, si unisce ad un segno sottile che si fa figura, che diventa corpo, immagine pulsante di un desiderio carnale: una pittura, questa, che si potrebbe persino definire neo-secentesca e rubensiana, per lo meno nell’espansa e calda sensuosità della composizione. Infatti, sia nelle opere ad olio, sia in quelle di più piccolo formato condotte a tecnica mista (acrilico e acquerello), Ruspaggiari fa uso di una tavolozza esuberante di contrappunti cromatici e di valori tattili: un “canto libero” di viola, lilla, azzurro, arancio, rosso, bianco che si dispiega sulla tela o sul foglio ora con lenti e sfumati trapassi di toni, ora attraverso palpitanti esplosioni cromatiche in cui, in una felice combinazione di tachisme e di dripping, talvolta risuonano anche le note più gravi del nero».
«Il progetto – spiegano Fabrizio Franzini ed Enrico Manicardi – conferma ancora una volta l’importante collaborazione posta in essere una quindicina d’anni fa tra Villa Verde e il Circolo degli Artisti, “insieme per la cultura come strumento di salute”. La personale di Gianni Ruspaggiari è parte di una serie di mostre dedicate ad insigni artisti reggiani che si inseriscono a pieno titolo nel panorama pittorico del secondo Novecento».
L’esposizione, visitabile fino al 26 novembre 2017, negli orari di apertura della Casa di Cura, è accompagnata da un catalogo con le prefazioni di Fabrizio Franzini ed Enrico Manicardi ed il testo di Giuseppe Berti. Ingresso libero. Per informazioni: www.villaverde.it, www.circolodegliartisti.re.it.
Gianni Ruspaggiari è nato a Reggio Emilia nel 1935. Ha studiato presso il locale Istituto d’Arte Gaetano Chierici, interrompendo però gli studi per seguire il padre musicista a Saint Vincent. Fondamentale per la sua formazione è l’incontro in Val d’Aosta con l’artista torinese Annibale Biglione che gli fa conoscere le ricerche dei pittori delle avanguardie europee. Terminato il servizio militare, e rientrato in città nel 1958, stringe un forte sodalizio intellettuale con altri giovani artisti reggiani, anch’essi impegnati a elaborare nuovi linguaggi formali: Angela Bergomi, Nino Squarza, Mario Pini, Bruno Olivi, Marco Gerra. Gli anni Sessanta vedono dunque Ruspaggiari impegnato a sviluppare la propria ricerca alla luce delle nuove correnti artistiche americane ed europee: da De Kooning a Bacon, dall’Espressionismo astratto alla Pop Art, alla cui estetica – interpretata spesso anche in chiave optical attraverso l’impiego di un cromatismo acceso ma elegante – rimane legato per tutti gli anni Settanta. Progressivamente, negli anni e decenni successivi, “ritorna all’espressionismo informale, dapprima con la tecnica mista del collage, infine col recupero di una pittura ricca di velature di colore, e fortemente allusiva nei contenuti” (Emanuele Filini, Dizionario degli artisti reggiani, Reggio Emilia, 2003).
Altri eventi dell'inserzionista
Carlo Vannini. Cupi fantasmi di una vita perduta
08/05/2015 - 27/11/2015
Reggio nell'Emilia (RE) - Emilia-Romagna
Inserito da CSArt Serri
I “Cupi fantasmi di una vita perduta” di Carlo Vannini sono in mostra, dall’8 maggio al 27 novembre 2015 presso BFMR & Partners Dottori Commercialisti, studio professionale che dal 2010 sostiene “Fotografia Europea”, promuovendo anche esposizioni fotografiche presso la propria sede in Piazza Vallisneri 4 a Reggio Emilia.
Curata da Sandro Parmiggiani, la mostra presenta la nuova produzione del fotografo reggiano, dedicata ai villaggi, alle tonnare e ai complessi industriali abbandonati della Sardegna meridionale. Una cinquantina di fotografie di medie dimensioni, realizzate nel 2014 attraverso l’utilizzo di una tecnica personale. L’autore, infatti, procede alla de-saturazione dell’immagine, intervenendo successivamente solo su alcuni canali per ridare colore e modificare le tinte.
Affermato nel campo dell’immagine pubblicitaria e della riproduzione di opere d’arte, Vannini lavora da alcuni anni anche nell’ambito della fotografia artistica, con progetti legati alle sculture della Cattedrale di Reggio Emilia e alle collezioni dei Musei Civici.
Come scrive il curatore, «Vannini coglie – secondo le antiche leggi della fotografia – l’arresto del tempo: restano, sui muri, le tracce del passaggio dell’uomo, ma la sua presenza fisica si è ormai dissolta. Eppure questi cupi fantasmi di architetture e geometrie, questi ritmici squarci di porte e di finestre, queste luci che accecano e queste ombre impenetrabili, non chiedono l’oblio, non sollecitano l’intervento di una mano pietosa che, cancellandole, ponga fine al degrado e alla solitudine, ma suscitano il desiderio di una conservazione e di un ritorno alla vita, che, nella vegetazione rigogliosa che continua a crescere e s’insinua dentro di loro, si esprime con la forza di ciò che è perenne».
In occasione del vernissage su invito, previsto per venerdì 8 maggio a partire dalle ore 19.00, sarà presentata l’anteprima della mostra, visitabile da lunedì a venerdì con orario 10.00-12.00 e 16.00-18.00. Per informazioni: www.bfmr.it - info@bfmr.it - tel. 0522 455000.
Barbara Giavelli, L’arte del mosaico
05/03/2017 - 06/05/2017
Chiozza di Scandiano (RE)
Inserito da CSArt Serri
“L’arte del mosaico” di Barbara Giavelli in mostra, dal 5 marzo al 6 maggio 2017, a Chiozza di Scandiano (RE).
Dopo l’esposizione estiva a Pietrasanta (LU) e la partecipazione alla rassegna “L’Arte svelata in luoghi insoliti”, a cura di Pina Tromellini, l’artista ha deciso di aprire al pubblico il proprio atelier per consentire ai visitatori di seguire il farsi dell’opera.
L’inaugurazione si terrà domenica 5 marzo con orario 15.00-19.00. Per l’occasione, una parte dello studio sarà adibita a sala espositiva con l’allestimento di una selezione di opere musive realizzate dal 2001 al 2016.
Come si legge nel testo di Pina Tromellini, pubblicato nel volume “L’Arte svelata in luoghi insoliti” (Vanillaedizioni, 2016), «Ci si innamora del proprio lavoro artistico; si può piangere dalla gioia se si raggiunge un traguardo prefissato. Succede a Barbara Giavelli, mosaicista che, dopo varie esperienze creative, ha scoperto il mosaico e l’ha trasformato in un’attività totalizzante. Sorprende la relazione che l’artista ha con le pietre, numerose, di colori diversi e di sfumature impensate. Ogni tanto le annaffia come farebbe con i fiori di un giardino, per esaltarne i colori. Il suo laboratorio infatti è un giardino di pietre: le distingue singolarmente e le sfiora con delicatezza, perché è convinta che diventeranno qualcosa di unico e prezioso. Gli smalti veneziani emanano luce dentro a bottiglie trasparenti, altre pietre sono ordinate in diversi contenitori. Per apprezzare i mosaici di Barbara occorre iniziare da qui, da una materia prima che non ha confini. Le pietre appartengono al mondo. Le pietre hanno bisogno di mani capaci per trasformarsi in bellezza».
In esposizione, anche piccoli oggetti, come fibbie, ciondoli ed opere da indossare.
L’Atelier di Barbara Giavelli (Via Brolo Sotto, 86 – Chiozza di Scandiano) è aperto al pubblico di martedì, mercoledì e venerdì ore 10.00-12.00 e 15.00-19.00, oppure su appuntamento. Ingresso libero. Per informazioni: tel. 328 8978985, info@macauba.com, www.macauba.com.
Barbara Giavelli nasce a Reggio Emilia nel 1970. Da sempre attratta dall’arte, in particolare dalla pittura e dal disegno, sperimenta varie tecniche. Nel 2000 inizia a frequentare i corsi di pittura tenuti da Alessandra Ariatti che, contemporaneamente, la indirizza verso l’arte musiva. In un primo tempo affronta la tecnica del mosaico in modo autonomo, successivamente si rivolge al mosaicista Gian Domenico Silvestrone per acquisire maggiore dimestichezza con la materia. Già dai primi lavori, l’artista intuisce le potenzialità del mosaico e la possibilità di esprimere con tessere in pietra, ori e smalti veneziani il proprio sentire. Dopo un primo studio dei soggetti classici, concentra la propria attenzione sulla potenza espressiva del colore, sull’effetto della luce che colpisce la materia vitrea e la pietra. Vive e lavora a Chiozza di Scandiano (RE), trascorrendo lunghi periodi di ricerca a Pietrasanta (LU).
Eventi che potrebbero interessarti
I Santissimi
22/01/2016 - 19/02/2016
Chiozza di Scandiano (RE)
Inserito da CSArt Serri
Dopo il successo riscosso nella Cappella dell’Incoronazione del Museo Riso di Palermo, la mostra di Aldo Palazzolo e Fabio Iemmi “I Santissimi” approda, dal 22 gennaio al 19 febbraio 2016, allo spazio “Workout Pasubio” (Temporary) di Parma (Padiglione Nervi, Ex Manzini, Via Palermo).
L’esposizione è promossa da Leo van Moric© in collaborazione con l’Associazione Culturale “Workout Pasubio” (Temporary), con il patrocinio del Comune di Parma.
Un progetto nel quale l’arte incontra la tecnologia attraverso la fusione di fotografia, pittura e 3D projection mapping. In mostra, una decina di tavole di grandi dimensioni che rendono omaggio ad importanti testimoni della cultura e dell’arte internazionale dalla seconda metà del XX secolo ad oggi, come Patti Smith, Rudolf Nureyev, Manlio Sgalambro e Julian Beck.
Le opere esposte nascono dalle fotografie analogiche trattate da Aldo Palazzolo, ritrattista e sperimentatore, stampate su carta con una personalissima tecnica denominata “Liquid Light”, «capace di riflettere sullo sgomento della creatività delle origini» (Henry Favrod). Lavori rielaborati manualmente da Fabio Iemmi attraverso l’uso di intonaci naturali e tessuti scelti in base a trame ed orditi.
Il percorso espositivo, ideato da Studio GAAU, prevede la suddivisione dell’aula unica del Padiglione Nervi in una ritmata sequenza di cappelle laterali che culminano in una sorta di abside, nella quale è collocata l’opera transustanziale di Luigi Bertogalli.
Per 3D projection mapping s’intende una tecnica di proiezione su superfici non convenzionali, nello specifico una scultura pensile polimaterica creata da Fabio Iemmi. Luigi Bertogalli, applicando le ultime tecnologie al mondo dell’arte, ha prodotto una sintesi rielaborata dei ritratti, degli intonaci e dei pattern.
La pianta da cattedrale romanica e l’illuminazione dal basso vestono le figure di una profonda aura sacrale, alimentata anche dall’ambiente sonoro “Hanamichi” creato da [ guido.lusetti ] | [ loalue ] e da inedite percezioni olfattive.
La mostra, che sarà inaugurata venerdì 22 gennaio alle ore 18.00, sarà visitabile fino al 19 febbraio 2016, da mercoledì a venerdì ore 16.00-20.00, sabato ore 10.00-13.00 e 16.00-20.00, domenica ore 16.00-20.00. Ingresso libero. Per informazioni: Leo van Moric© (tel. +39 348 0948950, info@leovanmoric.it, www.leovanmoric.it). Il progetto sarà successivamente proposto ad Arezzo ed in altre città.
Close Up
06/06/2018 - 06/06/2018
Napoli (NA) - Campania
Inserito da Marco Caiazzo
CLOSE UP
Lorenzo Cabib
Ritratto d’autore
One shooting day

Mercoledì 6 giugno 2018
Dalle 17.00 alle 22.00

Intragallery / Pensieroverde
Via Cavallerizza 57, Napoli

La galleria per le arti contemporanee Intragallery, in collaborazione con Pensieroverde concept-design, è lieta di accogliere nei suoi spazi il fotografo Lorenzo Cabib, per una giornata dedicata al ritratto d’autore, con il progetto esperenziale Close Up.

In un’epoca dominata dall’estetica del selfie, posare per una foto d’autore equivale a regalarsi del tempo, un prezioso tassello da aggiungere alla conoscenza di sé. Nel caso specifico, affidarsi allo sguardo di Cabib significa vivere un’esperienza intensa, in cui lasciarsi andare con fiducia, per poi stupirsi positivamente nel vedere un lato nascosto della propria personalità rivelato in un ritratto unico.

Lorenzo Cabib, durante lo shooting interpreterà ogni volto abbinandogli un fiore in base alla sua ispirazione, ad esaltare ciò che vuole svelare della persona ritratta. La composizione del ritratto scaturirà dal fondersi di due bellezze, quella dell’armonica perfezione del fiore e quella del volto umano.
Di ogni persona ritratta restituirà un unico scatto, da lui selezionato.

Le foto saranno stampate presso la stamperia Fine Art Lab di Luigi Fedullo su carta baritata e applicata su dibond, e saranno certificate nella loro autenticità dall’autore degli scatti.
Si potrà scegliere tra i formati 20x30 cm, 35x50 cm, 50x70 cm, 70x100 cm, acquistabili ad un prezzo di favore riservato agli amici di Pensieroverde e Intragallery che vorranno posare in questa giornata dedicata.

Su richiesta, si potranno organizzare nei giorni a seguire, sempre in galleria, shooting privati su appuntamento.

Per info:
info@pensieroverde.it
info@intragallery.it


Bio Breve:
Lorenzo Cabib nasce Napoli nel 1986; comincia ad appassionarsi, già in tenera età, alle arti visive e, in modo particolare, alla fotografia. Questa passione lo spinge a Roma dove consegue un master in fotografia professionale (moda, ritratto, architettura e still life) presso l'Istituto Europeo del Design (IED) e successivamente a Milano dove, dal 2011 al 2013, affina tecniche, capacità e sensibilità, grazie anche alla collaborazione con fotografi professionisti (Lorenzo Bringheli, Matteo Cherubino, Fabio Leidi) che gli danno l'opportunità di contribuire alla realizzazione di campagne e reportage per alcuni tra i più affermati marchi legati al mondo della moda: da riviste quali Marie Claire, Uomo Vogue, Glamour, alle firme prestigiose di Dolce e Gabbana, Bugatti, Marina Rinaldi.
Nel 2011 gira l'Italia con Lorenzo Bringheli, assistendolo nella realizzazione, per Tod's, dei fotoritratti di personaggi quali lo scultore Mario Ceroli, l’imprenditore filantropo di Dynamo Camp, Enzo Manes, l’aristocratico Gelasio Gaetani d’Aragona, l’ex senatore Mario d’Urso, il giornalista Carlo Rossella, confluiti nel volume "Italian Portraits" edito da Skira.
Dal 2014, torna all'ombra del Vesuvio e comincia a lavorare in autonomia, realizzando campagne per Bams, Byba e altri marchi locali, e avviando alcuni progetti di ricerca e approfondimento, con particolare riferimento alle tematiche del ritratto e dell'immagine del "sé" nella società contemporanea, ispirandosi a maestri della contemporaneità come Clegg & Guttman e Helmut Newton.
Nel 2016 espone la sua prima personale dal titolo "Reverse Man" presso il museo PAN di Napoli e il 14 giugno 2017 ha presentato la sua seconda mostra dal Titolo "Chromie" presso Salotto Calabritto in via Calabritto a Napoli.