Evento: Grand Tour, Luoghi e atmosfere di un Paese incantato
25/11/2017 - 10/02/2018
0 0
Effettua l'accesso per inserire un commento
0/0 Commenti
Inserzionista
Altro
Dettagli
Data di inserimento: 16/11/2017 - 10:12
Luogo: Reggio Emilia () -
Data di inizio: 25/11/2017
Data di fine 10/02/2018
Descrizione
La magia del “Grand Tour”, i luoghi e le atmosfere di un Paese incantato rivivono, dal 25 novembre 2017 al 10 febbraio 2018, alla Galleria RezArte Contemporanea di Reggio Emilia (Via Emilia Ospizio, 34/D). La mostra, curata da Antonio Brighi con opere realizzate dai protagonisti dell’Ottocento italiano ed europeo, sarà inaugurata sabato 25 novembre alle ore 17.00.
L’esposizione, che raccoglie una trentina di dipinti provenienti da collezioni private, è parte di una serie di approfondimenti che RezArte Contemporanea intende dedicare alla pittura italiana dell’Ottocento, da riscoprire e valorizzare.
«L’architettura della mostra – scrive il curatore – intende rinverdire nel pubblico del terzo millennio quelle fortissime emozioni annotate dai voyageurs entro le pagine ormai ingiallite dei loro diari: così le opere, sottoposte ad una rigorosa selezione condotta su basi qualitative, e realizzate in un arco temporale compreso tra gli inizi del XIX secolo e i primi decenni del Novecento, anziché venire organizzate secondo la data d’esecuzione ci accompagnano, tracciando le coordinate di un viaggio virtuale che ricalca idealmente le orme dei protagonisti del Grand Tour, dalle Alpi alla Sicilia. Il visitatore potrà stupirsi poi per la presenza, tra gli autori rappresentati, di non pochi nomi stranieri, ma spesso sono proprio queste voci ad offrire il contributo più commosso alla smagliante bellezza del nostro Paese».
In mostra, le opere ad olio su tela di Carlo Brancaccio (1861-1920) e Giuseppe Laezza (1835-1905) dedicate alla città di Napoli, “I Templi di Paestum” di Achille Vertunni (1826-1897), due dipinti ad olio su tela di grandi dimensioni di Alessandro La Volpe (1820-1887), le vedute toscane di Lazzaro Pasini (1861-1949), una tela di Francesco Lojacono (1838-1915) raffigurante il Monte Pellegrino, nei pressi di Palermo, gli scorci veneziani di Giuseppe Canella (1788-1847) e Beppe Ciardi (1875-1932) e le gouaches di Carlo Bossoli (1815-1884).
Il percorso espositivo è inoltre completato da opere scelte di Léon Bouchaud, Ercole Calvi, Michele Cammarano, Vincenzo Caprile, Hermann Corrodi, Giuseppe Cosenza, Adolfo Dalbesio, Eugenio Gignous, Augusto Lovatti, Alessandro Milesi, Johann Nepomuk Schödlbeger e Alberto Prosdocimi.
La mostra sarà visitabile fino al 10 febbraio 2018, di martedì, venerdì e sabato con orario 9.00-12.30 e 16.00-19.30, mercoledì e giovedì ore 9.00-12.30, domenica ore 16.00-19.30, oppure su appuntamento, chiuso lunedì e festivi. Ingresso libero. Catalogo disponibile in galleria con testi di Antonio Brighi e ricco apparato iconografico. Per informazioni: tel. 0522 333351, cell. 338 1305698, www.galleriarezarte.it, info@galleriarezarte.it.
Contemporaneamente a “Grand Tour, Luoghi e atmosfere di un Paese incantato”, RezArte Contemporanea ospita anche “Tra forma e suono”, mostra di Ion Koman, Mikhail Roshnyak e Mikhail Tzarush, con un testo critico Vitaly Patsyukov.
Altri eventi dell'inserzionista
Il segreto dei Giusti
23/01/2016 - 21/02/2016
Correggio (RE) - Emilia-Romagna
Inserito da CSArt Serri
Dal 23 gennaio al 21 febbraio 2016 la Galleria Espositiva del Museo “Il Correggio” (Palazzo dei Principi, C.so Cavour, 7, Correggio) ospita la mostra “Il segreto dei Giusti”, una collettiva a cura di Margherita Fontanesi, promossa dal Comune di Correggio in occasione della Giornata della Memoria (mercoledì 27 gennaio).
L’esposizione, che sarà ufficialmente inaugurata domenica 24 gennaio alle ore 17.00, propone opere di Mirko Baricchi, Paul Beel, Ariela Böhm, Alfio Giurato, Fosco Grisendi, Ester Grossi, Lea Golda Holterman, Federico Infante, Massimo Lagrotteria, Marco Martelli, Matteo Massagrande, Sonia Maria Luce Possentini, Matteo Pugliese, Tobia Ravà, Max Rohr, Matteo Tenardi, Wainer Vaccari. Si tratta di artisti di rilievo internazionale, le cui opere hanno il compito di illustrare l’importantissimo ruolo dei Giusti fra le Nazioni, non ebrei che, durante la Seconda Guerra Mondiale, salvarono tantissimi ebrei dall’Olocausto.
Accanto alla pittura sono stati selezionati per la mostra anche sculture, fotografie e video, offrendo diversi mezzi espressivi e coinvolgendo nuove tipologie di artisti.
Da alcuni anni il Comune di Correggio ha scelto l’arte contemporanea come linguaggio complementare per parlare di Shoah, accanto ai veri e propri approfondimenti storici: se questi ultimi sono essenziali per la narrazione e la conoscenza dei fatti, il linguaggio dell’arte permette di creare quella giusta empatia che tocca le corde più profonde dell’animo umano e apre la strada alla comprensione della storia.
“Il tema, ampio e delicato, è stato affrontato mettendone in evidenza un aspetto in particolare, cioè il ruolo chiave dei Giusti fra le Nazioni che hanno salvato tantissime vite umane rischiando la propria”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. Non solo protagonisti storici dunque ma grandi esempi morali. Pur non dimenticando i sei milioni di morti della Shoah, la mostra spazia su storie a lieto fine, per ricordare come di fronte al Male si può dire anche no”.
Gli artisti selezionati da Margherita Fontanesi, ebrei e non ebrei, rappresentano bene il panorama dell’arte figurativa contemporanea: “Attraverso le loro opere”, continua il sindaco, “la mostra vuole invitare a conoscere meglio le storie dei Giusti e suggerisce spunti di riflessione su alcuni elementi chiave del loro modo di agire: l’importanza di soccorrere i più deboli, l’anonimato del bene, il coraggio del libero pensiero. Celebrare la Giornata della Memoria, quindi, non significa solo ricordare ciò che è stato, gli orrori che guerra e discriminazioni razziali hanno causato a milioni di innocenti, ma rappresenta un dovere istituzionale perché quelle testimonianze e quell’esperienza sono fondamentali per interpretare l’attualità e le sfide che questa ci pone”.
La mostra è realizzata grazie alla disponibilità di Bonelli Lab (Canneto sull’Oglio, MN), Bonioni Arte (Reggio Emilia), Cardelli & Fontana Arte Contemporanea (Sarzana, SP), Galleria de’ Bonis (Reggio Emilia), Federico Rui Arte Contemporanea (Milano), M77 Gallery (Milano), Punto sull’Arte (Varese), Galleria Restarte (Bologna), Spazio Testoni (Bologna), Zanini Arte (San Benedetto Po, MN).
La sede espositiva è aperta al pubblico il sabato ore 15.30-18.30 e la domenica ore 10-12.30 e 15.30-18.30. Apertura straordinaria, con orari domenicali, mercoledì 27 gennaio, Giornata della memoria. Gli altri giorni su appuntamento (tel. 0522 691806). Ingresso libero. Per informazioni: museo@comune.correggio.re.it, www.museoilcorreggio.org.
Come ideale finissage della mostra, sabato 20 febbraio, alle ore 17, nella sala conferenze “A. Recordati” di Palazzo dei Principi, il dott. Fausto Ciuffi, direttore della Fondazione Villa Emma di Nonantola, terrà una conferenza sul ruolo storico dei Giusti fra le Nazioni.
La Fondazione Villa Emma nasce nel 2004, ispirandosi alla solidarietà che sessant’anni prima aveva portato la comunità di Nonantola ad accogliere 73 giovani ebrei, provenienti da Germania, Austria e Jugoslavia, alla ricerca di un rifugio nel nostro Paese. La Fondazione Villa Emma opera nei settori della ricerca storica, della formazione e della progettazione didattica; promuove iniziative culturali, con attenzione alla storia e alle memorie della seconda guerra mondiale, ai conflitti attuali, al dialogo tra le diversità e alle problematiche interculturali; intrattiene rapporti e scambi con istituzioni che in Italia e all’estero adottano analoghe prospettive di ricerca, con l’obiettivo di raccogliere e documentare i più importanti risultati dei loro studi.
Ottorino Davoli - Maestro del naturalismo padano
08/04/2017 - 27/05/2017
Reggio nell'Emilia (RE) - Emilia-Romagna
Inserito da CSArt Serri
Ad oltre quindici anni dalla retrospettiva allestita ai Musei Civici, Ottorino Davoli (Reggio Emilia 1888 – Venezia, 1945) torna a Reggio Emilia con una mostra promossa da Phidias Antiques.
Dall’8 aprile al 27 maggio 2017 la galleria di via Roma 22/A ospiterà un ampio approfondimento dedicato al maestro del naturalismo padano, con opere di grande rilievo provenienti da collezioni private.
In esposizione, una ventina di dipinti ad olio su tela, prevalentemente degli anni ’20 e ’30: ritratti di uomini illustri, nature morte, paesaggi padani e scene di vita quotidiana, unitamente ad alcune marine e città d’arte.
Come scriveva Giuseppe Berti all’interno del volume pubblicato a corredo della mostra “Ottorino Davoli, 1888-1945” (Musei Civici di Reggio Emilia, 2001), nel decennio 1924-1934 «Ottorino Davoli, cresciuto nel grembo dei caldi umori della campagna, conserva per tradizione di sangue un amore fedele verso la terra, verso i suoi sapori densi e carnosi (…). Per lui il Novecento non è altro che una rilettura postimpressionista del naturalismo padano: una correzione di rotta, insomma, che gli consente di consolidare i volumi e le forme, di operare una calibrata sintesi formale sostenuta da un’esigenza di ordine plastico (…). Due cose, dunque s’avvertono in tutti i suoi temi, ritratti, paesaggi, nature morte o nudi che siano: una risoluzione stilistica a favore di una più netta semplificazione formale e una forte fisicità conferita alle cose e ai corpi (…). Alla maggiore fermezza plastica si contrappone, sempre, una materia fragrante di toni in cui mai viene meno la luce che varia per l’ora e per la stagione».
La mostra, che sarà inaugurata sabato 8 aprile alle ore 17.30, sarà visitabile fino al 27 maggio 2017, da lunedì a sabato ore 10.30-13.00 e 16.30-19.30, chiuso giovedì e domenica. Ingresso libero. Per informazioni: tel. 0522 436875, Cell. 339 4774065 / 335 8125486, info@phidiasantiques.com, www.phidiasantiques.com.
Ottorino Davoli nasce a Reggio Emilia nel 1988. Dal 1903 al 1907 studia a Milano, prima ai corsi speciali della Società Umanitaria e poi all’Accademia di Brera. Dal 1907 al 1909 frequenta la Scuola del Nudo di Firenze con brevi soggiorni a Roma e Venezia. Nel 1924 viene nominato insegnante di Figura e successivamente di Ornato presso la scuola di disegno Gaetano Chierici di Reggio Emilia. A questo periodo risale l’inizio della corrispondenza con il critico e storico dell’arte Lionello Venturi. Negli anni 1927-1928 realizza la facciata della chiesa di San Francesco a Reggio Emilia, opera controversa che suscita accesi dibattiti e che causa la rottura tra l’artista e l’ambiente reggiano. Nel 1934 vince il concorso per la cattedra di Ornato presso il Liceo Artistico di Venezia. Tra le principali mostre si segnalano le personali presso l’Hotel Posta (Reggio Emilia, 1912) e la Galleria Vinciana (Milano, 1923), nonché la partecipazione alla XX edizione della Biennale di Venezia (1936). Muore a Venezia nel 1945. Mostre retrospettive sono allestite presso il Palazzo del Capitano nel Popolo (Reggio Emilia, 1966), il Ridotto del Teatro Municipale Valli (Reggio Emilia, 1980-81) e i Musei Civici (Reggio Emilia, 2001). Alcune sue opere, tra le quali “Il Paggio” o “Paggetto” (1905) sono conservate ai Musei Civici di Reggio Emilia.
Aperta nel 1976 a Reggio Emilia da Antonio e Claudio Esposito, la galleria Phidias è specializzata in arredi neoclassici, pittura e scultura europea del XVIII e XIX secolo. Dal 1988 al 1998 alla sede reggiana si affianca uno spazio milanese, nel quale si tengono varie esposizioni tematiche (pittura orientalista del XIX secolo, candelabri francesi del periodo della Rivoluzione , scultura del XIX secolo). Alle fine degli anni ’90 si sceglie di privilegiare ed ingrandire la sede di Reggio Emilia con l’apertura di un nuovo showroom in un palazzo nobiliare del centro storico. Phidias partecipa a diverse mostre dell’antiquariato come l’Internazionale di Milano, il Gotha a Parma e Modenantiquaria. La galleria associata alla FIMA dal 1988. Phidias, oltre alla attività legata all’antiquariato, si occupa di arredamenti di interni seguendo il cliente nella scelta degli oggetti e nella divisione degli spazi. Diversi lavori sono stati pubblicati sulle maggiori riviste del settore. In dialogo con l’antico, la galleria propone, inoltre, periodiche esposizioni d’arte moderna e contemporanea.
Eventi che potrebbero interessarti
Mostra collettiva “Anima e Personalità – Quattro artiste a confronto”
11/03/2018 - 08/04/2018
Padova (PD) - Veneto
Inserito da Maria Palladino
Giovedì 8 Marzo, alle ore 18,00, presso il Museo della Centuriazione Romana, secondo piano, e nella annessa loggia del Teatro Aldo Rossi – Viale Europa 12, 35010 Borgoricco (PD), inaugurerà la mostra collettiva di pittura e fotografia delle artiste Maria Grazia Minto, Nicoletta Belli, Ornella Francou, Cristina Sirinelli.
A cura di Galleria La Teca, Padova, Maria Palladino.
Mostra organizzata in collaborazione con il Comune e il Museo della Centuriazione Romana di Borgoricco (PD)
Il Museo della Centuriazione Romana del Comune di Borgoricco, importante sito museale che raccoglie i reperti archeologici recuperati nel territorio del Graticolato Romano, ovvero l’organizzazione agraria messa in atto dai romani nel I° Sec. a. C. in ambito padovano, e risalenti alla Preistoria, al periodo romano e all'età medievale e rinascimentale, accoglie nello spazio espositivo del secondo piano e nell’attigua loggia del Teatro Aldo Rossi, la mostra collettiva “Anima e Personalità – Quattro artiste a confronto”.
L’esposizione si inaugurerà giovedì 8 marzo, in occasione della “Giornata internazionale della donna” e in concomitanza all’edizione 2018 della “Mostra del Libro” di Borgoricco, manifestazione letteraria che ricorre annualmente ed ospita, negli ambienti comunali, numerosi eventi quali presentazioni di libri, incontri con gli autori e conferenze, richiamando grande pubblico di visitatori e appassionati.
Le artiste espositrici propongono un dialogo fra pittura e fotografia, volto a mettere in evidenza quattro distinte ed incisive visioni e sguardi femminili, che si appropriano della realtà circostante, sia essa ambientale e sociale, trasfigurandola attraverso le emozioni e il proprio mondo interiore. A testimonianza che la verità oggettiva delle cose in sé non è conoscibile e che ogni soggetto possiede nel suo intimo numerose e indefinibili sfaccettature e filtri che ne costituiscono e forgiano l’originalità e l’individualità e allo stesso tempo l’ecletticità. Nel pieno rispetto e consapevolezza delle differenze, che fanno l’unicità di ogni uomo.
La pittrice Maria Grazia Minto traspone nel suo universo fiabesco, fatto di simboli, allegorie, e di innata grazia femminea, il vissuto e la scoperta dell’importanza di una prospettiva innocente e incantata sul mondo, ottenuta grazie alla versatilità tecnica ed espressiva e ad una ricerca di aerea leggerezza, compositiva e cromatica, che ne svela la bellezza e la poesia, spesso celata ai nostri occhi.
Nicoletta Belli rivela nelle sue pitture uno studio accurato, attento e sensibile delle teorie dei colori, i quali intersecandosi in strutture simili a scacchiere, vanno a costituire la scenografia su cui il rappresentato trova il suo campo espressivo e la sua sintesi strutturale, disvelando un’interessante e particolare scissione e ricombinazione di forma, movimento, contenuto e indagine psicologica.
Ornella Francou, nel corso di una lunga carriera dedicata alla fotografia ha fatto oggetto dei suoi numerosi viaggi una grande curiosità di apprendimento e capacità introspettiva e di approfondimento concettuale, che l’hanno portata a spaziare fra il reportage e la documentazione, i ritratti e gli still-life, in composizioni caratterizzate da una sapiente e significativa modulazione di luci e ombre.
Cristina Sirinelli intende lo strumento fotografico quale mezzo per giungere all’essenza, culturale, sociale e geografica dei luoghi che visita e delle figure che osserva: quasi un occhio meccanico che le permette di scomporre e sgranare nei suoi minimi costituenti, e fortemente contrastare, per accentuare e come “smascherare” quanto visto, catturato istantaneamente, in tagli peculiari.
La collettiva si propone quale stimolante e multiforme esperienza di avvicinamento e indagine conoscitiva di quattro diversi percorsi artistici ed esistenziali, al fine di raccoglierne intuizioni e spunti estetici e di riflessione sulle innumerevoli configurazioni della bellezza e della forza della creatività e dell’intelligenza dell’essere umano.
La mostra resterà visitabile fino al 08 Aprile 2018. Ingresso libero.
Orario di apertura:
Lunedì chiuso
Da martedì a sabato 9.00 - 12.30
Mercoledì e Venerdì 15.00 - 18.00
Sabato 15.00 - 18.30
Domenica 10.00 - 12.00 e 15.00 - 18.30
Chiuso domenica di Pasqua e lunedì di Pasquetta

Per informazioni: Museo della Centuriazione Romana
Tel. 049 9336321
Uff. 049 9337931

Galleria La Teca
www.gallerialateca.com
info@gallerialateca.com
ph. +39 3474670115 - +39 3496650016

Maria Palladino: 3341695479 audramsa@outlook.it
Tra forma e suono - Ion Koman, Mikhail Roshnyak, Mikhail Tzarush
25/11/2017 - 10/02/2018
Padova (PD) - Veneto
Inserito da CSArt Serri
In linea con la mostra “Kandinsky?Cage: Musica e Spirituale nell’Arte”, allestita a Palazzo Magnani, la Galleria RezArte Contemporanea di Reggio Emilia (Via Emilia Ospizio, 34/D), in collaborazione con il Centro Culturale MIR di Novara, presenta “Tra forma e suono”, esposizione collettiva con opere di Ion Koman, Mikhail Roshnyak e Mikhail Tzarush.
Accompagnata da un testo critico di Vitaly Patsyukov, Direttore del Dipartimento Progetti Sperimentali per l’Arte Contemporanea del Ministero della Cultura della Federazione Russa, la mostra sarà inaugurata sabato 25 novembre alle ore 17.00.
In esposizione, una ventina di opere di matrice astratto informale e materico figurativa, realizzate dal 1993 al 2017. Dopo i positivi riscontri ottenuti nella primavera del 2017 con la panoramica “Dal Mar Nero agli Urali”, la Galleria propone ora un approfondimento dedicato a tre artisti – Ion Koman, Mikhail Roshnyak e Mikhail Tzarush – tutti nati negli anni ’40 e ’50 e accomunati da esperienza storica, appartenenza geografica, interesse per forma e suono.
«Acquisendo il loro spazio personale e distanziandosi allo stesso tempo da esso – scrive Vitaly Patsyukov – i tre artisti fissano nelle loro opere quella zona in continua crescita in cui domina il silenzio di John Cage. Cercano, infatti, di creare nuove armonie lineari che consentano di riempire i mutevoli vuoti e le pause, considerando gli strumenti culturali, ivi compresa la tecnologia, come un mezzo per ampliare il territorio dell’arte».
Ion Koman è nato a Garaghish (Moldova) nel 1954. Dopo gli studi presso la facoltà di pittura e disegno all’Istituto d’Arte “I.E. Repin” di Kishinev, nel 1978 si è trasferito a Mosca, dove ha lavorato come grafico politico e ha frequentato il gruppo dei pittori “anticonformisti” della Malaya Gruzinskaya. Dal 1987 è membro dell’Unione dei Pittori e dei grafici di Mosca e dal 1991 svolge la sua attività artistica in Italia e a Mosca.
Mikhail Roshnyak è nato nel 1958 a Sterlitamak (Bashkiria, URSS) e ha studiato a Mosca, all’Istituto di Arti grafiche. Nel 1992 ha fondato il gruppo Miros-Yggs a Lipsia e nel 1993 a Mosca ha pubblicato la rivista “All-Manach”, dedicata ai problemi dell’arte alternativa. È membro dell’Unione dei Pittori della Russia. Vive e lavora a Mosca.
Mikhail Tzarush è nato nel 1948 a Ungeni (Moldova), ha studiato a Kishinev, all’Istituto d’Arte “E.I. Repin”, quindi ha completato la sua formazione a Leningrado, presso l’Accademia di Belle Arti. Dal 1971 ha adottato il sistema Sterligov, ispirato ai principi plastici dell’Impressionismo e del Cubismo, alla teoria del colore di Matjushin e alla cupola sferica di V. Sterligov. È membro dell’Unione dei Pittori della Moldova. Vive e lavora a San Pietroburgo e a Kishinev.
La mostra sarà visitabile fino al 10 febbraio 2018, di martedì, venerdì e sabato con orario 9.00-12.30 e 16.00-19.30, mercoledì e giovedì ore 9.00-12.30, domenica ore 16.00-19.30, oppure su appuntamento, chiuso lunedì e festivi. Ingresso libero. Catalogo disponibile in galleria con testi di Vitaly Patsyukov e ricco apparato iconografico. Per informazioni: tel. 0522 333351, cell. 338 1305698, www.galleriarezarte.it, info@galleriarezarte.it.
Contemporaneamente a “Tra forma e suono”, RezArte Contemporanea ospita anche la mostra “Grand Tour, Luoghi e atmosfere di un Paese incantato”, curata da Antonio Brighi con opere realizzate dai protagonisti dell’Ottocento italiano ed europeo.